SCIUTO CINZIA

POESIE

VINITINNI CCU MIA - VISTI LU SULI

VINITINNI CCU MIA

Tu veni ccu lu meli ‘n vucca,
lu cuteddu ammucciatu ‘n manu,
e mi levi lu sonnu e lu rispiru.
S’ì crudeli,
comu lupu spietatu ‘ ntra lu voscu,
a caccia di mischini
ppi ‘ngannari
omini, santi,
e la cuscenza di li sintimenti.
T’assetti a lu me latu, t’addiverti
a ripitìari sempri a stissa litanìa:
“Vinitinni ccu mia,
dammi denza,
ti vogghiu essiri amica e cumpagna,
chi l’avutu a fari allura ssu talentu
su fusti vuci sbattuta ntra lu ventu?
L’amuri non putisti cchiù cantari,
e a lu duluri cc’ apparasti la frunti
‘ntrizzannu fila di malincunìa”.
Friddu lu cori ca fa pinitenza,
a tinturia intra lu pettu crisci
e li rami cchiù belli ‘nfracitisci.

VISTI LU SULI

Semu fatti accussì,
“cavaddi pazzi”
ca ni tiramu l’occhi
ppi putiri fari finta di chianciri.
Accarizzamu sonnira
di ummira d’unniputenza,
n’appinnemu a fulìnii
d’ali d’angilu,
addivintamu vucchi
ca isunu mura di minzogni
e ppoi ni scantamu
quannu u sibilu do ventu
addiventa lamentu…
Visti lu suli assittatu
supra na scalunata di celu,
e macari iù m’arripùsai
vicinu a iddu.

 

VIENI CON ME

 

Tu vieni con il miele in bocca,
il coltello nascosto in mano,
e mi levi il sonno e il respiro.
Sei crudele,
come lupo spietato nel bosco,
a caccia di poveretti
per ingannare
uomini, santi,
e la coscienza dei sentimenti.
Ti siedi al mio lato, ti diverti
a ripetere sempre la stessa litanìa:
“Vieni con me,
dammi retta,
ti voglio essere amica e compagna,
che l’hai avuto a fare allora questo talento
se fosti voce sbattuta nel vento?
L’amore non hai potuto più cantare,
e hai offerto la fronte al dolore
intrecciando fili di malinconia”.
Freddo il cuore che fa penitenza,
l’indolenza dentro il petto cresce
e i rami più belli fa sfiorire.

HO VISTO IL SOLE

 

Siamo fatti così,
“cavalli pazzi”
che si strappano gli occhi
per poter fare finta di piangere.
Accarezziamo sogni
di ombra di onnipotenza,
ci appendiamo a ragnatele
di ali d’angelo,
diventiamo bocche
che alzano mura di menzogne
e poi ci spaventiamo
quando il sibilo del vento
diventa lamento…
Ho visto il sole seduto
sopra una scalinata di cielo,
e anch’io mi sono riposata
vicino a lui.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online