SCIUTO CINZIA

POESIE

SULA

SULA

Agghiorna…
non mi taliati cchiù,
non mi spiati,
non tuppuliati a
la porta di lu cori…
si chiusi,
la notti ca nasciu
lu fruttu amaru
e a sorti ni vuleva
cuntu e raggiuni
ppi dd’ingannu vigliaccu
e scelleratu.
Oscuru segretu,
vuci senza vuci,
li trizzi picciriddi
t’avia datu,
ma supra a lu
surrisu dilicatu
ti cc’avvintasti
ccu l’ugna rapaci.
E fu desertu,
senz’acqua,
senza ciuri,
senza spiranza,
senza amuri…
Sula ristasti,
ccu li manu leggi
e l’occhi vacanti,
e sula ora aspetti
l’abbracciu supremu
di pietà divina

SOLA

 

Si fa giorno…
non mi guardate più,
non mi domandate,
non bussate alla
porta del cuore…
si chiuse,
la notte che nacque
l’amaro frutto
e la sorte ne voleva
conto e ragione
per quell’inganno vigliacco
e scellerato.
Oscuro segreto,
voce senza voce,
le piccole trecce
ti avevo dato,
ma sopra al
sorriso delicato
ti sei avventata
con le unghie rapaci.
E fu deserto,
senz’acqua,
senza fiori,
senza speranza,
senza amore…
Sola sei rimasta,
con le mani vuote
e gli occhi sperduti,
e sola ora aspetti
l’abbraccio supremo
di pietà divina
nell’eterno spazio d’infinito.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 240 visitatori e nessun utente online