SCIUTO CINZIA

POESIE

SUGNU MATRI - TI ASPITTAVA - UNNI LU MARI

SUGNU MATRI

Mentri ti taliu, figghia mia,
lu cori mi sauta fora di lu pettu,
e m’accorgiu macari di tutti li biddizzi
ca lu Signuri ti desi,
assemi a li tisori e li ricchizzi
d’un fari gintili e dilicatu.
Quannu nascisti tu, amuri ranni,
lu mennulu si priparava a lu ciuriri,
e tu nicuzza mia vinisti o munnu
ppi non lassarimi cchiù soffriri e muriri.
Tu fusti ventu, focu e spada a mmanu,
spuntau lu suli dopu lu scuru ‘nvernu,
trionfu di la luci ca mi cunsulau,
di li me peni fusti lu riscattu.
Nuddu duluri si perdi
sutta la crusta do tempu,
e ora ca sugnu matri
m’arresta ancora lu disìu…
pirchì non potti essiri figghia.

TI ASPITTAVA

Macari tu mi lassasti,
a cummattiri sula,
contru la sorti ‘nsarvaggiuta,
affamata di carizzi pietusi
ca non vinevunu mai.
Iù t’aspittava, muta,
assittata davanti a lu balcuni di l’affannu,
taliannu ccu l’occhi spiranzusi
dda strata stritta e longa,
unni erunu misi ‘ncatinati li paroli,
e jornu e notti, notti e jornu
cci tineva addumatu ‘n luminu
ppi non falli scantari do scuru.
Na vota, mi stancai d’aspittari!
Mi lavai a facci,
ppi pariri cchiù bedda,
cci ‘nciumai vesti novi all’anima nuda,
e t’accuminciai a circari
ppi li vaneddi spirduti di lu cori.

UNNI LU MARI

Chiusi la porta a lu duluri
pirchì non mi faceva cchiù arrispirari,
na varca ranni mi purtau luntanu
unni lu mari ccu lu celu si cunfunni.
Silenziu…
timpesta…
poi silenziu ancora…
finu a quannu ‘ncuntrai l’occhi tò
ca m’aspittavunu,
appuggiati supra
a li culuri splinnenti
di la terra mia.

SONO MADRE 

Mentre ti guardo, figlia mia,
il cuore mi salta fuori dal petto,
e mi accorgo anche di tutte le bellezze
che il Signore ti ha dato,
insieme ai tesori e alle ricchezze
di un modo di fare gentile e delicato.
Quando sei nata tu, amore grande,
il mandorlo si preparava alla fioritura,
e tu piccola mia sei venuta al mondo
per non lasciarmi più soffrire e morire.
Tu sei stata vento, fuoco e spada in mano,
è uscito il sole dopo un inverno buio,
trionfo della luce che mi ha consolato,
delle mie pene sei stata il riscatto.
Nessun dolore si perde
sotto la crosta del tempo,
e ora che sono madre
mi resta ancora il desiderio…
perché non ho potuto essere figlia.

TI ASPETTAVO 

Anche tu mi lasciasti,
a combattere sola,
contro la sorte accanita,
affamata di carezze pietose
che non venivano mai.
Io ti aspettavo, in silenzio,
seduta davanti al balcone dell’affanno,
guardando con gli occhi speranzosi
quella strada stretta e lunga,
dove erano messe incatenate le parole,
e giorno e notte, notte e giorno,
tenevo loro acceso un lumino
per non farli spaventare del buio.
Una volta mi stancai di aspettare!
Mi lavai il viso,
per sembrare più bella,
ho cucito vestiti nuovi all’anima nuda,
e cominciai a cercarti
per i vicoli sperduti del cuore.

DOVE IL MARE 

Ho chiuso la porta al dolore
perché non mi faceva più respirare,
una barca grande mi ha portato lontano
dove il mare con il cielo si confonde.
Silenzio…
tempesta…
poi silenzio ancora…
fino a quando incontrai gli occhi tuoi
che mi aspettavano,
appoggiati sopra
i colori splendenti
della mia terra.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online