SCIUTO CINZIA

POESIE

SENZA PAROLI

SENZA PAROLI

Senza paroli mi parravi,
ccu l’occhi…
m’ammustravi li tempi passati
quannu la tò vita assaggiava
la ducizza di li cosi,
e lu suli ti faceva caminari
ppi vaneddi di culuri e puisia.
Senza paroli mi cuntavi
l’alligrizza picciridda di lu cori,
di quannu currevi ‘ncontru a li tò uri,
acchianannu scaluni di spiranza.
‘N jornu ti n’isti,
mi lassasti sula,
cci spalancasti i vrazza a lu celu,
t’adagiasti supra a cuscini di nuvuli russi
e ti cummigghiasti ccu cuperti di disidirata pietà.
Ti cercu,
ntra libbri di storia
ca cc’insignavi a li carusi,
ntra lu sciusciu di lu ventu a tramuntana,
supra a li varchi de’ piscaturi,
ti cercu,
ntra l’arvuli d’alivu
ammenzu a la campagna,
ntra duluri di Matri sutta a cruci,
supra a tili di stagiuni addisignati.
Ti chiamu…
e la to vuci di luntanu m’arrispunni
ccu melodia d’infinita buntà.

SENZA PAROLE
 

Senza parole mi parlavi,
con gli occhi…
mi mostravi i tempi passati,
quando la tua vita assaggiava
la dolcezza delle cose,
e il sole ti faceva camminare
per vicoli di colori e poesia.
Senza parole mi raccontavi
l’allegria bambina del cuore,
di quando correvi incontro alle tue ore,
salendo scale di speranza.
Un giorno te ne sei andato,
mi lasciasti sola,
hai spalancato le braccia al cielo,
ti sei adagiato su cuscini di nuvole rosse
e ti sei avvolto con coperte di desiderata pietà.
Ti cerco,
dentro i libri di storia
che insegnavi ai ragazzi,
dentro il soffio del vento a tramontana,
sulle barche dei pescatori,
ti cerco,
tra gli alberi d’ulivo
in mezzo alla campagna,
tra dolore di Madre sotto la croce,
sopra a tele disegnate di stagioni.
Ti chiamo…
e la tua voce da lontano mi risponde
con melodia di infinita bontà.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online