SCIUTO CINZIA

POESIE

SCRIVI - SEMU GGENTI- STAIU

SCRIVI

Alleggiu alleggiu s’inchi u fogghiu iancu,
e manu manu ca u tempu passa,
a sorti, ccu l’ugna, cci lassa l’impronta.
Maniannu filagni d’inchiostru purpurinu
cancia culuri a li spiranzi,
azzicca chiova di pinitenza,
astuta focu di binivulenza.
Scrivi, furiusa scrivi,
a manu do’ nostru distinu,
e ccu lu sangu ca ni scurri de’ firiti
allesti libbri di storia
ppi cunsignariccilli a la morti.

SEMU GGENTI

Nuatri, semu ggenti ca
mai truvànu paci
sutta na cruci di cinniri e di braci,
eppuri nnammurati di stu focu,
ni facemu fiamma e scurremu,
ntra li canni fumari di la vita.

STAIU

Mussu ccu mussu staiu
ccu la malincunia,
e non ci parru.
Non nn’haiu cchiù paroli ppi idda.
Li paroli si l’agghiuttìu lu ventu,
e mi desi ‘n canciu carizzi
‘nfucati di silenziu.

SCRIVE 

Piano piano si riempie il foglio bianco,
e man mano che il tempo passa,
il destino, con le unghie, vi lascia l’impronta.
Maneggiando filate di inchiostro porporino
cambia colore alle speranze,
infilza chiodi di penitenza,
spegne fuoco di benevolenza.
Scrive, furiosa scrive,
la mano del nostro destino,
e con il sangue che ci scorre dalle ferite
confeziona libri di storia
per consegnarli alla morte.

SIAMO PERSONE 

Noi, siamo persone che
mai hanno trovato pace
sotto una croce di cenere e di brace,
eppure innamorati di questo fuoco,
diventiamo fiamma e scorriamo
dentro le canne fumarie della vita

STO 

Bocca a bocca sto
con la malinconia,
e non le parlo.
Non ho più parole per lei.
Le parole le ha inghiottite il vento,
dandomi in cambio carezze
infuocate di silenzio.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online