SCIUTO CINZIA

POESIE

PIGGHIMI PPI MANU

PIGGHIMI PPI MANU 

Ti visti, ‘n jornu,
ccu lu coddu calatu e l’occhi chiusi,
Ti visti, palumma janca senza cchiù vuci,
appinnutu a lu chiovu ‘nfami di la cruci,
e u sangu Ti scurreva di la frunti
a vagnari sta terra ‘ngrata
ca non Ti vuleva…
U ‘ntisi lu To chiantu mutu e sularinu,
fù ancora gridu di spiranza
di la To vucca stanca e priva ormai d’ardenza.
Vicinu a Tia priava To Matri
ccu lu duluri ‘n pettu ca la distruggeva,
mantu pietusu ca cci cunsulava
l’ultimu rispiru a li To peni.
Patri, cci dicisti, ccu na stizza di ciatu,
a sti me’ frati iù l’affidu a Tia,
Ti li lassu ccu gran ricanuscenza,
non ci fari mancari mai la To binivulenza.
Pigghimi ppi manu,
comu si fa ccu na nicuzza,
‘nsignimi st’Amuri,
fammi assaggiari la ducizza
di li ciuri ca siminasti
ddu jornu a primavera.
Mai cchiù di Tia mi pozzu scurdari
pirchì Tu mi facisti la vita riturnari,
e fusti me’ patri, me’ matri, a me’ ricchizza
quannu svilasti a lu Tò cantu la biddizza.
Ccu Tia disìu passari sempri li me uri,
Tu sulu po’ guariri tutti li me peni
ora ca Ti sentu forti intra lu me cori.

PRENDIMI PER MANO

 

Ti vidi, un giorno,
con il collo chino e gli occi chiusi,
Ti vidi, colomba bianca senza più voce,
appeso al chiodo infame della croce,
e il sangue Ti scorreva dalla fronte
a bagnare questa terra ingrata
che non Ti voleva…
L’ho sentito il Tuo pianto silenzioso e solitario,
era ancora grido di speranza
della Tua bocca stanca e priva ormai di vigore.
Vicino a Te pregava Tua Madre
con il dolore in petto che la distruggeva,
manto pietoso che consolava
l’ultimo respiro alle Tue pene.
Padre dicesti, con un soffio di fiato,
questi miei fratelli io li affido a Te,
te li lascio con grande riconoscenza,
non ci fare mancare mai la Tua benevolenza..
Prendimi per mano,
come si fa con una bambina,
insegnami quest’amore,
fammi assaggiare la dolcezza
dei fiori che seminasti
quel giorno a primavera.
Mai più di Te mi posso dimenticare
perché Tu mi hai ridato la vita,
e sei stato mio padre, mia madre, la mia ricchezza
quando hai svelato al Tuo canto la bellezza.
Con Te desidero passare sempre le mie ore,
Tu solo puoi guarire tutte le mie pene
ora che Ti sento forte dentro il mio cuore

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online