SCIUTO CINZIA

POESIE

NON SUGNU DIGNA 

NON SUGNU DIGNA

Quannu ascutu lu nostru mari ca di lu criatu è armunìa,
la ducizza di lu suli ca ccu lu ciatu è malvasìa,
lu nostru cielu ca pari na cartulina appitturata
chi stiddi ca tremunu, iucannu ‘nsemi a la sirata,
sentu intra lu pettu na speci’ di firmentu
e lu cori, ppi st’amuri, non avi chiù abbentu.
Comu na matri iù sentu sta terra,
terra bedda ca ni desi li natali,
radici ca mai nuddu di nuatri si po’ scurdari
macari ca s’attrova luntanu a travagghiari.
E’ na malìa chi dà malincunia,
è amuri, odiu e macari nustalgia,
cu è luntanu voli riturnari,
cu è ccà, non vidi l’ura di partiri,
ni chiama sta terra e ‘nto frattempu ni lassa iri,
ma sempri ppi tutti c’è na spiranza
quannu ccu duluri si senti a luntananza.
E iù, quannu m’attrovu ammenzu a la tempesta,
quannu fa friddu intra lu me cori,
allura pensu a lu me suli, a lu me mari
e tuttu m’addiventa puisìa.
Non sugnu digna di tutta sta biddizza,
non sugnu digna di stu paradisu,
è ‘n donu troppu ranni, troppu priziusu,
è ‘n donu ca non ni putemu miritari
Chianci sta terra ca non vulemu amari
e de so carni ni facemu scempiu,
scurdannuni ca ‘gnornu arriva lu castigu
ca ccu fururi ni vurrà puniri l’empiu.


NON SONO DEGNA
 

Quando ascolto il nostro mare
che del creato è armonia,
la dolcezza del sole che con il fiato è malvasia,
il nostro cielo che sembra una cartolina disegnata
con le stelle che tremano, giocando insieme alla serata,
sento dentro il petto una specie di fremito
e il cuore, per questo amore, non ha più pace.
Come una madre io sento questa terra,
terra bella che ci ha dato i natali,
radici che mai nessuno di noi si può dimenticare
anche se si trova lontano a lavorare.
E’ una malìa che da malinconia,
è amore, odio e anche nostalgia,
chi è lontano vuole ritornare,
chi è qua non vede l’ora di partire,
ci chiama questa terra e nel frattempo ci lascia andare,
ma sempre per tutti c’è una speranza
quando con dolore si sente la lontananza.
E io, quando mi trovo in mezzo alla tempesta,
quando fa freddo dentro il mio cuore,
allora penso al mio sole, al mio mare
e tutto mi diventa poesia.
Non sono degna di tutta questa bellezza,
non sono degna di questo paradiso,
è un dono troppo grande, troppo prezioso,
è un dono che non ci possiamo meritare.
Piange questa terra che non vogliamo amare
e delle sue carni ne facciamo scempio,
scordandoci che un giorno arriverà il castigo
che con furore ne vorrà punire l’empio.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 268 visitatori e nessun utente online