SCIUTO CINZIA

POESIE

NON TI LU DICU - ORA CA TU DIVINTASTI - PETRA DOPU PETRA  

 

 

NON TI LU DICU


‘Na cosa ranni,
a voi sapiri…
non ti lu dicu,
m’a portu ccu mia,
a fari strata,
scansiannu chiantu di luna
e ventu di vantu.
Delizia di paroli,
giardinu ‘ncantatu,
‘ntra nova primavera
ti scopru ammucciatu.
La spiranza s’avia ‘npurtusatu
nta na rutta muta e brutali…
ppoi, na preghiera
versu lu munti agghicàu
e lu cori ci rapìu
l’ali o suli.

         

ORA CA TU DIVINTASTI
( a Rosa Balistreri)

Sintiriti cantari,
nautra vota…
comu quannu cci firmavi
lu rispiru a li ggenti,
ccu la tò vuci niura e priputenti.
Canta ancora,
ppi mmia,
ora ca tu divintasti bannera
intra lu me cori,
tu s’ì lu spicchiu
ca cc’arrobba lu ciatu a la luna.

   

PETRA DOPU PETRA

Petra dopu petra,
mura di petra…
linzola ianchi scicati
da furia do ventu
ca macari l’anima
arridduci a pizzudda.
Petra dopu petra,
cori di petra…
Arvulu cchiù non crisci,
terra scunsulata,
nenti ciurisci…
Vigliacchi,
pigghiativilli i me’ lacrimi,
vi li rìalu,
ma vuatri vuliti
macari chiddi
de’ nostri figghi,
e lu sangu…
Ma non sempri arriri
a muggheri do latru.

         

NON TE LO DICO

 

Una cosa grande,
la vuoi sapere…
non te lo dico,
la porto con me,
a fare strada,
evitando pianto di luna
e vento di vanto.
Delizia di parole,
giardino incantato,
dentro nuova primavera
ti scopro nascosto.
La speranza si era rinchiusa
dentro una grotta muta e brutale…
poi, una preghiera
verso il monte è salita
e il cuore aprì
le ali al sole.

ORA CHE TU SEI DIVENTATA

 

Sentirti cantare,
un’altra volta…
come quando fermavi
il respiro alle persone,
con la tua voce nera e prepotente.
Canta ancora,
per me,
ora che tu sei diventata bandiera
dentro il mio cuore,
tu sei lo spicchio
che ruba il fiato alla luna.

PIETRA DOPO PIETRA

 Pietra dopo pietra,

muri di pietra…
lenzuola bianche lacerate
dalla furia del vento
che anche l’anima riduce a pezzetti.
Pietra dopo pietra,
cuore di pietra…
Albero più non cresce,
terra sconsolata,
niente fiorisce…
Vigliacchi,
prendetevele le mie lacrime,
ve le regalo,
ma voi volete
anche quelle dei nostri figli,
e il sangue…
Ma non sempre ride
la moglie del ladro

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online