SCIUTO CINZIA

POESIE

NON NI LU MIRITAMU

 

NON NI LU MIRITAMU

Aspettu ddu mumentu, quannu l’autunnu
stizzìa ccu li so culuru ‘ncantati lu pettu di lu celu,
na filaredda d’oru curri assicutannu comu ‘n carusiddu
l’ultimu sprazzu di filici stagiuni,
e mi perdu…
rastìu ccu lu nasu l’uduri di lu mari,
n’arrivu perfinu a sentiri macari lu sapuri,
iocu ccu la menti ccu li palummeddi
ca nasciunu di l’ondi vasati di lu suli,
e mi perdu…
Mi sentu ccu sta terra tuttu ‘n tuttunu,
ccu l’occhi c’accarizzu grata a so biddizza,
chi manu alleggiu toccu macari la ricchizza
d’un ciuri siminatu a trionfu di l’amuri.
Veniri o munnu, ‘nta stu paradisu,
ma pirchì…su appoi a nostra vita
è vita a pani e ‘n fernu,
è chiantu di l’aceddi a lu scurari,
è guerra ‘nfami di ogni matinata,
è sangu pistatu di battagli pirduti.
Chistu semu!
Poviri omini ca si scurdaru a Diu
e agghiuttunu lu feli amaru da scunfitta,
di l’odiu, di pirsicuzioni, da morti…
E unni sta a cristiana pietà, ca ccu fatica,
ni vuleva ‘nsignari nostru Signuri?
La lassammu ppi strata,
na notti ca ni persimu ammenzu a la timpesta,
e lu ventu la dispirdiu luntanu,
e ora idda non voli turnari,
pirchì non ni lu miritamu.

                       

NON CE LO MERITIAMO

 

Aspetto quel momento, quando l’autunno
macchia con i suoi colori incantati il petto del cielo,
un filo d’oro corre inseguendo come un ragazzino
l’ultimo sprazzo di felice stagione,
e mi perdo…
fiuto con il naso l’odore del mare,
ne arrivo perfino a sentire anche il sapore,
gioco con la mente con le colombelle
che nascono dalle onde baciate dal sole,
e mi perdo…
Mi sento con questa terra tutto un tutt’uno,
con gli occhi accarezzo grata la sua bellezza,
con le mani piano tocco anche la ricchezza
di un fiore seminato a trionfo dell’amore.
Venire al mondo, in questo paradiso,
ma perché…se poi la nostra vita
è vita a pane e inferno,
è pianto di uccelli all’imbrunire,
è guerra infame di ogni mattinata,
è sangue rattrappito di battaglie perdute.
Questo siamo!
Poveri uomini che si sono dimenticati di Dio
e inghiottono il sapore amaro della sconfitta,
dell’odio, delle persecuzioni, della morte…
E dove sta la cristiana pietà, che con fatica,
ci voleva insegnare nostro Signore?
L’abbiamo lasciata per strada,
una notte che ci siamo persi in mezzo alla tempesta,
e il vento l’ha dispersa lontano,
e ora lei non vuole tornare,
perché non ce lo meritiamo.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 47 visitatori e nessun utente online