SCIUTO CINZIA

POESIE

L’ESSENZA - LASSATIMI ACCUSSI’ -MA PIRCHI’

 

 


L’ESSENZA

 

Na puddiredda s’appoggia

supra ‘n muru iancu

disidirusa di paci e di riposu.

Talìu ddu muru iancu

e ni vulissi cogghiri l’essenza.

Mi votu, ppi ‘n mumentu…

l’aluzzi d’oru cheti si nni vannu

arrubbannuci la vuci a li pinseri.

 

LASSATIMI ACCUSSI’

Lassatimi accussì,

comu na cosa pusata

supra o viddicu do munnu.

Lassatimi dormiri,

già chiusi l’occhi,

vogghiu sulu la tò manu,

ppi cunottu,

o notti…

sta vita non è autru

ca l’autru latu di la morti,

ma nenti mori

suddu spiranza addiventa.

MA PIRCHI’


Agghiuttu ciauru di spiranza,

manciu terra e paroli

cunzati ccu ogghiu di pinitenza

e sali di canuscenza.

Parunu spirduti li pinseri

ammuttati do ventu

ca li sfrinzulìa supra

notti accarizzati di chiantu.

L’invernu finìu,

ma pirchì non torna Primavera?

                       

L’ESSENZA


Una farfallina si appoggia

sopra un muro bianco

desiderosa di pace e di riposo.

Guardo quel muro bianco

e ne vorrei cogliere l’essenza.

Mi giro, per un momento…

le alucce d’oro quiete se ne vanno

rubandoci la voce ai pensieri.

LASCIATEMI COSI’


Lasciatemi così,

come una cosa posata

sopra l’ombellico del mondo.

Lasciatemi dormire,

ho già chiuso gli occhi,

voglio solo la tua mano,

per conforto,

o notte…

questa vita non è altro

che l’altro lato della morte,

ma niente muore

se diventa speranza.

MA PERCHE’

Inghiotto odore di speranza,

mangio terra e parole

condite con olio di penitenza

e sale di conoscenza.

Sembrano sperduti i pensieri

sospinti dal vento

che li sparpaglia sopra

notti accarezzate dal pianto.

L’inverno è finito,

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online