SCIUTO CINZIA

POESIE

FURUNU TEMPI

FURUNU TEMPI

Passau lu tempu di li spini vilinusi,
ora vinni lu tempu di li rosi
Fu na stagiuni ca tantu aspittai,
tantu fu lu turmentu, ca quasi m’ammalai.
Era ‘n chiantu ca mi vineva di lu cori,
nenti e nuddu mi puteva cunsulari,
sta’ attenta ca di chistu si nni mori,
mi diceva la sò vuci a lu scurari.
Ma iù di sti paroli non nni sapeva ‘pprufittari,
troppu ranni, troppu amaru era lu duluri,
mi sinteva comu na varca ammenzu o mari
ca da strata do ritornu non nni vidi lu chiaruri.
C’era na pena ca non mi rava paci,
mi struncava, m’ammazzava, mi mitteva n’cruci,
iù circava di scacciari ddu spaventu,
ma idda, sempri ‘npignusa, pigghiava u sopravventu.
Malaerva, malucunsigghiu, minzogna e malasorti,
chistu sta pena fu ppi mia,
idda ca non si scantau mancu di la morti
mi fici nasciri ‘nto pettu a tinturìa.
Furunu tempi scuri e duri di suppurtari,
ddu rimpiantu d’amuri
non mi vuleva lassari,
e n’avennu di mia nudda cristiana pietà
si vuleva arrubbari ppi sempri
la me filicità.

                       

FURONO TEMPI
E’ passato il tempo delle spine velenose,
ora è venuto il tempo delle rose.
Fu una stagione che tanto attesi,
tanto fu il tormento, che quasi mi ammalai,
Era un pianto che mi veniva dal cuore,
niente e nessuno mi poteva consolare,
stai attenta che di questo si muore,
mi diceva la sua voce all’imbrunire.
Ma io di queste parole non ne sapevo approfittare,
troppo grande, troppo amaro era il dolore,
mi sentivo come una barca in mezzo al mare
che non vede la luce della strada del ritorno.
C’era una pena che non mi dava pace,
mi stroncava, mi ammazzava, mi metteva in croce,
io cercavo di scacciare quello spavento,
ma lei, sempre prepotente, prendeva il sopravvento.
Erba cattiva, malconsiglio, menzogna e malasorte,
questo fu questa pena per me,
lei che non si spaventò neanche della morte
mi fece nascere nel petto l’indolenza.
Furono tempi oscuri e duri da sopportare,
quel rimpianto d’amore
non mi voleva lasciare,
e non avendo di me nessuna cristiana pietà
voleva rubare per sempre
la mia felicità

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 266 visitatori e nessun utente online