SCIUTO CINZIA

POESIE

FIGGHI

 

FIGGHI

Taliamu ‘n celu
li stissi stiddi
ca ni levunu lu ciatu
di quantu sunu beddi,
ni coriamu macari
di lu stissu suli
ca n’asciuga ogni jornu
lu duluri,
caminamu e curremu
ppi li stissi strati
ca ni vistunu iucari ‘nsemi
quann’erumu picciriddi.
Semu figghi di la stissa matri,
terra di focu
ca n’abbrucia lu cori,
terra nicaredda
ammenzu o mari,
ma ranni e maistusa
ppi ccu la sapi capiri.
Semu figghi di la stissa matri,
ma pirchì non vulemu essiri
figghi di lu stissu Patri?

                       

FIGLI


Guardiamo in cielo
le stesse stelle
che ci levano il fiato
di quanto sono belle,
ci riscaldiamo anche
dello stesso sole
che ci asciuga ogni giorno
il dolore,
camminiamo e corriamo
per le stesse strade
che ci hanno visto giocare insieme
quando eravamo bambini.
Siamo figli della stessa madre,
terra di fuoco
che ci brucia il cuore,
terra piccolina
in mezzo al mare,
ma grande e maestosa
per chi la sa comprendere.
Siamo figli della stessa madre,
ma perché non vogliano essere
figli dello stesso Padre?

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online