SCIUTO CINZIA

POESIE

FERMITI

FERMITI

Fermiti, assettiti,
sulu ppi ‘n mumentu,
talìa quantu sunu li biddizzi
di la tò terra ca ti stannu ‘nnanzi.

Lu mari t’arriri
comu ‘n carusiddu
e voli iucari ccu li tò pinseri,
mmiriusu t’ammustra lu suli macari
quatri pittati di li so culuri,
lu ventu ca ti pigghia ppi la manu
e ti porta ccu iddu a rispirari
di la campagna virdi li capiddi
e di li rosi lu ciatu d’amuri.
E tu di sti tisori
mancu ti nni curi,
li lassi suli,
ntra li peni ranni,
di vidiri a nuatri indiffirenti.

                       

FERMATI


Fermati, siediti,
solo per un momento,
guarda quante sono le bellezze
della tua terra che ti stanno davanti.

Il mare ti sorride
come un ragazzino
e vuole giocare con i tuoi pensieri,
anche il sole, invidioso, ti fa vedere
quadri pitturati con i suoi colori,
il vento che ti prende per mano
e ti porta con lui a respirare
i capelli verdi della campagna
e delle rose il sospiro d’amore.

E tu di questi tesori
neanche te ne curi,
li lasci da soli
tra le grandi pene
di vederci indifferenti.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 174 visitatori e nessun utente online