SCIUTO CINZIA

POESIE

CERTI VOTI

 

 

CERTI VOTI

Certi voti,
“ma non n’avi cchiffari?”
la menti s’arricogghi
muddichi di pinseri annacquati,
e li riordi ammuttunu
scumazza di tempi luntani,
arruzzuliati ammenzu a lu mari
ca tanti voti mi visti ‘nfilici.

U ventu, ‘mpignusu,
mi sbatteva forti
ntra li scogghi tagghienti
e pareva u patruni do munnu,
ma iù di iddu non mi scantava,
anzi, cc’apparava li carni
comu a vulirici diri : - Pigghimi,
ma macari ca mi tagghi,
non soffru,
macari ca mi scorci
para para la peddi di ‘ncoddu
non chianciu -
tutti li me’ lacrimi
e tuttu lu me’ sangu
si li pigghiò ‘n jornu
lu duluri di na firita
appinnuta a lu cori.

                                                                        

CERTE VOLTE

Certe volte,
“ma non ha altro da fare?”
la mente raccoglie
molliche di pensieri annacquati,
e i ricordi spingono
schiuma di tempi lontani,
gettati in mezzo al mare
che tante volte mi vide infelice.

Il vento, prepotente,
mi sbatteva forte
contro gli scogli taglienti
e sembrava il padrone del mondo,
ma io di lui non avevo paura,
anzi gli offrivo le carni
come a volergli dire: - Prendimi,
ma anche se mi tagli,non soffro,
anche se mi strappi,
tutta intera la pelle di dosso
non piango-
tutte le mie lacrime
e tutto il mio sangue
li prese con se, un giorno,
il dolore di una ferita
appesa al cuore.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 229 visitatori e nessun utente online