SCIUTO CINZIA

POESIE

ABBRAZZATI

 

 

ABBRAZZATI

Appressu a li turmenti,
ca mi taliunu ora di luntanu,
persi piaciri di “nnacatella”
e ciauru di risati picciriddi.
Erunu ittati a muzzu ddi jurnati,
lassati o vuliri di lu straventu
ca l’arridduceva a pizzudda nichi nichi
e li dispirdeva ammenzu a li strati scuri,
livannici la mimoria,
ppi non putiri turnari cchiù.
Quannu la pietà cummigghiau
ccu lu sò mantu lu duluri
li circai…
una, centu,
milli voti ancora…
cci spiava a li culuri
culumbrini di li ciuri,
a lu russu ‘nfucatu do tramuntu,
a lu iancu di la nivi stralucenti.
ntra l’argentu di li stiddi scaminava,
ma di iddi mai nuddu ni sapeva!
Li truvai, na vota,
‘ntra li visciri
d’un ciumi trasparenti,
ca li tineva abbrazzati,
ppi non farili moriri.

ABBRACCIATI

Dietro ai tormenti,
che mi guardano ora da lontano,
persi il piacere di fare l’altalena
e l’odore di risate bambine.
Erano gettate a casaccio quelle giornate,
lasciate al volere del vento forte
che le riduceva a pezzetti piccoli piccoli
e le disperdeva in mezzo alle strade buie,
levandoci la memoria, per non farle ritornare più.
Quando la pietà coprì
con il suo manto il dolore
le cercai…
una, cento,
mille volte ancora…
chiedevo ai colori
vanitosi dei fiori,
al rosso infuocato del tramonto,
al bianco della neve stralucente,
dentro l’argento delle stelle cercavo,
ma di loro mai nessuno ne sapeva.
Le trovai, una volta,
dentro le viscere
di un fiume trasparente,
che le teneva abbracciate
per non farle morire.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online