SCIUTO CINZIA

POESIE

A DIFFERENZA

 

 

A DIFFIRENZA
Cinzia Sciuto

Na vota, quannu era cchiù carusa,
pinsava accussì:
Vulissi essiri,
ma non pozzu essiri,
vulissi non essiri,
na non nascì ppi non essiri,
e allura…
Ora, ca finalmenti
c’a finì di iri all’acqua
ccu lu panaru dicu:
Sugnu pirchì vogghiu essiri,
non pozzu non essiri
pirchì nascì ppi essiri,
e allura…
Cu avi cchiù sali
conza a minestra.

LA DIFFERENZA

Una volta, quando ero più giovane,
pensavo così:
Vorrei essere,
ma non posso essere,
vorrei non essere,
ma non sono nata per non essere,
e allora…
Ora che finalmente
non vado più a prendere l’acqua
con il paniere dico:
Sono perché voglio essere,
non posso non essere
perché sono nata per essere,
e allora…
Chi ha più sale
condisce la minestra.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online