SCIUTO CINZIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCIUTO CINZIA

POESIE

A DIFFERENZA

ABBRAZZATI

CANCIA LU VENTU

CERTI VOTI

COMU VULISSI

E ASPETTU

FERMITI

FIGGHI

FURUNU TEMPI

L'ESSENZA - LASSATIMI ACCUSSÌ - MA PIRCHÌ

NUN LU MIRITAMU

NON TI LU DICU - ORA CA TU ADDIVINTASTI - PETRA DOPU PETRA

NUN SUGNU DIGNA

PIGGHIMI PI MANU

SCRIVI - SEMU GGENTI - STAIU

SENZA PAROLI

SUGNU MATRI - TI ASPITTAVA -UNNI LU MARI

SULA

VINITINNI CCU MIA - VISTI LU SULI

VULEVA A TIA

Cinzia Sciuto è nata a Catania, e fin dall’infanzia ha una predisposizione naturale per la musica.
A 13 anni entra a fare parte di un gruppo folkcloristico siciliano, e, appassionandosi a questo genere musicale, interpreta bellissimi brani della nostra tradizione popolare che la portano ad esibirsi, insieme al gruppo, nelle maggiori piazze della Sicilia e dell’Italia.

Poco tempo dopo inizia a prendere lezioni di canto dal Maestro Michelangelo De Cervo che, apprezzandone le doti canore, la porta con sé a fare delle serate presso il Santa Tecla, il San Domenico e La Giara di Taormina

Nel 1977 Cinzia vince l’edizione de “Il Pomofiore”, una manifestazione canora ideata e condotta dal compianto Gianni Creati, presso l’emittente televisiva catanese Telecolor..

Nel frattempo il Maestro De Cervo viene chiamato ad esibirsi in America e la vorrebbe con sé, ma Cinzia, non volendo lasciare la sua amata terra, rinuncia a seguirlo.

Comincia a studiare la chitarra, uno strumento a lei congeniale, che le apre la strada all’esibizione individuale, è infatti cantando e suonando da sola che Cinzia Sciuto riesce a trovare una sua particolarissima dimensione artistica, ottenendo ampi consensi di pubblico e di critica.

Un’occasione di lavoro temporaneo la porta all’estero, in Francia, ed è nei numerosi pub del quartiere latino di Parigi che lei porta un pezzo di Sicilia, facendo conoscere alcuni brani storici della tradizione popolare siciliana.

Cinzia Sciuto scopre anche la passione per il teatro, entrando a fare parte, seppur per un breve periodo, della Compagnia Teatrale di Carlo Mangiù; è da questa esperienza che lei capisce di essere portata anche per la prosa e per la poesia ; comincia a scrivere poesie in italiano e in lingua siciliana che però non fa conoscere al pubblico, fino agli anni della sua maturità artistica e personale.

Dopo un lungo periodo di pausa, per motivi personali, Cinzia Sciuto ha ripreso la sua carriera artistica che oggi la vede impegnata in una lunga e minuziosa ricerca sulla cultura musicale popolare siciliana, e in particolar modo su Rosa Balistreri, un’artista siciliana, purtroppo scomparsa, che Cinzia apprezza e ama profondamente, ammirandone l’intensa interpretazione dei brani e la grande forza interiore di donna del Sud.

Alla poesia di Cinzia Sciuto dal titolo “Pigghimi ppi manu” è stato attribuito il primo premio per la sezione Lingua Siciliana dalla Commissione giudicatrice del S.Antonio Abate di Belpasso, di cui ha fatto parte anche la Professoressa Giuseppa Gangemi di Belpasso che ha stilato una toccante recenzione alla poesia di Cinzia.

Altre sue poesie sono presenti in varie antologie, tra cui quella del Premio Themis di Bronte e “Verrà il mattino e avrà un tuo verso” a cura della Aletti Edizioni.

La sua prima silloge di poesie siciliane “Cancia lu ventu” è stata pubblicata a Marzo del 2013 edita da Radiusu Edizioni, ed ha ricevuto una segnalazione nella sezione opere edite in Lingua Siciliana dalle Fondazioni Culturali Gioacchino Arnone nel XXXIX Premio Internazionale “Città di Marineo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCIUTO CINZIA

POESIE

A DIFFERENZA

 

 

A DIFFIRENZA
Cinzia Sciuto

Na vota, quannu era cchiù carusa,
pinsava accussì:
Vulissi essiri,
ma non pozzu essiri,
vulissi non essiri,
na non nascì ppi non essiri,
e allura…
Ora, ca finalmenti
c’a finì di iri all’acqua
ccu lu panaru dicu:
Sugnu pirchì vogghiu essiri,
non pozzu non essiri
pirchì nascì ppi essiri,
e allura…
Cu avi cchiù sali
conza a minestra.

LA DIFFERENZA

Una volta, quando ero più giovane,
pensavo così:
Vorrei essere,
ma non posso essere,
vorrei non essere,
ma non sono nata per non essere,
e allora…
Ora che finalmente
non vado più a prendere l’acqua
con il paniere dico:
Sono perché voglio essere,
non posso non essere
perché sono nata per essere,
e allora…
Chi ha più sale
condisce la minestra.

 

 

 

 

 

 

 

SCIUTO CINZIA

POESIE

CANCIA LU VENTU

 

 

CANCIA LU VENTU

Cancia lu ventu,

e lu cori cci fa di scudu

a li pinseri-surdatu

ca strinciunu a mmanu

mimoria di jorna ‘npitrati ntra

lacrimi amari di scunfitta,

cuteddi affilati di vigliacchirìa,

vuci buriusa d’ammutinamentu,

e macari focu di scantu niuru e arraggiatu.

Cancia lu ventu,

e si porta d’appressu la me vita

ppi fregari la morti.

CAMBIA IL VENTO


Cambia il vento

e il cuore fa da scudo

ai pensieri-soldato

che stringono in mano

memoria di giornate impietrite tra

lacrime amare di sconfitta

coltelli affilati di vigliaccheria,

voce boriosa di ammutinamento

e anche fuoco di spavento nero e arrabbiato.

Cambia il vento

e porta con sè la mia vita

per fregare la morte

 

 

 

 

 

 

 

SCIUTO CINZIA

POESIE

ABBRAZZATI

 

 

ABBRAZZATI

Appressu a li turmenti,
ca mi taliunu ora di luntanu,
persi piaciri di “nnacatella”
e ciauru di risati picciriddi.
Erunu ittati a muzzu ddi jurnati,
lassati o vuliri di lu straventu
ca l’arridduceva a pizzudda nichi nichi
e li dispirdeva ammenzu a li strati scuri,
livannici la mimoria,
ppi non putiri turnari cchiù.
Quannu la pietà cummigghiau
ccu lu sò mantu lu duluri
li circai…
una, centu,
milli voti ancora…
cci spiava a li culuri
culumbrini di li ciuri,
a lu russu ‘nfucatu do tramuntu,
a lu iancu di la nivi stralucenti.
ntra l’argentu di li stiddi scaminava,
ma di iddi mai nuddu ni sapeva!
Li truvai, na vota,
‘ntra li visciri
d’un ciumi trasparenti,
ca li tineva abbrazzati,
ppi non farili moriri.

ABBRACCIATI

Dietro ai tormenti,
che mi guardano ora da lontano,
persi il piacere di fare l’altalena
e l’odore di risate bambine.
Erano gettate a casaccio quelle giornate,
lasciate al volere del vento forte
che le riduceva a pezzetti piccoli piccoli
e le disperdeva in mezzo alle strade buie,
levandoci la memoria, per non farle ritornare più.
Quando la pietà coprì
con il suo manto il dolore
le cercai…
una, cento,
mille volte ancora…
chiedevo ai colori
vanitosi dei fiori,
al rosso infuocato del tramonto,
al bianco della neve stralucente,
dentro l’argento delle stelle cercavo,
ma di loro mai nessuno ne sapeva.
Le trovai, una volta,
dentro le viscere
di un fiume trasparente,
che le teneva abbracciate
per non farle morire.

 

 

 

 

 

 

 

SCIUTO CINZIA

POESIE

CERTI VOTI

 

 

CERTI VOTI

Certi voti,
“ma non n’avi cchiffari?”
la menti s’arricogghi
muddichi di pinseri annacquati,
e li riordi ammuttunu
scumazza di tempi luntani,
arruzzuliati ammenzu a lu mari
ca tanti voti mi visti ‘nfilici.

U ventu, ‘mpignusu,
mi sbatteva forti
ntra li scogghi tagghienti
e pareva u patruni do munnu,
ma iù di iddu non mi scantava,
anzi, cc’apparava li carni
comu a vulirici diri : - Pigghimi,
ma macari ca mi tagghi,
non soffru,
macari ca mi scorci
para para la peddi di ‘ncoddu
non chianciu -
tutti li me’ lacrimi
e tuttu lu me’ sangu
si li pigghiò ‘n jornu
lu duluri di na firita
appinnuta a lu cori.

                                                                        

CERTE VOLTE

Certe volte,
“ma non ha altro da fare?”
la mente raccoglie
molliche di pensieri annacquati,
e i ricordi spingono
schiuma di tempi lontani,
gettati in mezzo al mare
che tante volte mi vide infelice.

Il vento, prepotente,
mi sbatteva forte
contro gli scogli taglienti
e sembrava il padrone del mondo,
ma io di lui non avevo paura,
anzi gli offrivo le carni
come a volergli dire: - Prendimi,
ma anche se mi tagli,non soffro,
anche se mi strappi,
tutta intera la pelle di dosso
non piango-
tutte le mie lacrime
e tutto il mio sangue
li prese con se, un giorno,
il dolore di una ferita
appesa al cuore.

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 242 visitatori e nessun utente online