POESIE

SENZA DI TIA NU ‘NC’E’ PRIMAVERA

canta Nicolò La Perna

 

 

SENZA DI TIA NU ‘NC’E’ PRIMAVERA.

La…lalalala…lalalalalalalalalalalala
Chi gioia attornu, chi ‘vveru splinduri!
mi pari veramenti di sunnari:
di ‘ncelu vinni ‘nterra u’ pararisu
pi ‘ddari a tutti a’ gioia e lu surrisu.
Tutta a ‘ffesta è vistuta la Natura
d’ oru e d’argentu brilla l’aurora
lu cantu duci di dra capinera
pari dicissi all’animu: suspira!
E’ ‘pprimavera sì, è ‘pprimavera
chi miraculu viventi,
chi musica chi canti,
quanta filicità.
Guarda dri rundinelli,
dri sciuri e dri farfalli
l’oduri di li rosi fa ‘ntamari.
Quannu ‘arrivi tu, mia (primavera)
chi ‘rrisvegliu ca c’e ni la natura,
lu mari brilla comu diamanti;
li sciuri sunnu un tappetu ‘ccillenti.
Attornu è puisia di prufumi.
di sonni di tripudiu e richiami
dintra lu cori chi voglia d’amari,
è primavera festa di l’amuri.

2) La…lalalala…lalalalalalalalalalalala
Ma st’aria di festa e st’armunia
pi ‘mmia sunnu na’ tristi agunia
lu cantu di l’acedri è amaru chiantu
puru li sciuri persiru u’ so’ ‘ncantu.
Cu ventu ti mannavu i me suspira
cu prufumeddru di la primavera,
ti pregu amuri torna accantu a ‘mmia
steiu murennu di malincunia.
Senza di tia nu ‘nc’è primavera.
lu suli u’ nna ‘ccaluri,
chi gelu ni stu cori
tutt’è ‘nfilicità.

Tu sula mi po’ dari
la gioia e lu tipuri
ca riscarda la vita e ‘ffa camparì
Si ‘ttu nu ‘ntorni nu’ ‘nc’è primavera
‘Ncelu nun ci su stirdri, nun‘nc’è luna
pi’ mmia è vvernu tristi e disulatu
ca l’animu m’accora ogni minutu.
Veni, tisoru, e stringimi a lu cori
ch’ i to vasati fammi pazziari,
senti sunari a ‘ffesta li campani
tu si’ la primavera, si’ l’amuri.
La…lalalala…lalalalalalalalalalalala

                                                                                       

 

SENZA DI TE NON C’E’ PRIMAVERA

La…lalalala…lalalalalalalalalalalala
Che gioia intorno, che vero splendore
mi sembra veramente di sognare:
dal cielo scende in terra il paradiso
per dare a tutti gioia e il sorriso.
Tutta a festa è vestita la Natura
d’oro e d’argento brilla l’aurora
Il canto dolce di una capinera
sembra dire all’animo: sospira!
E’ primavera, sì, è primavera
che miracolo vivente
che musica, che canti
quanta felicità.
Guarda queste rondinelle
questi fiori e quelle farfalle
l’odore delle rose fa girare la testa
Quando arrivi tu, mia primavera,

che risveglio che c’è nella natura,
il mare brilla come un diamante
i fiori sono un tappeto eccellente.
D’intorno è poesia di profumi
di sogni, di tripudi e richiami
dentro il cuore che voglia d’amare,
è primavera è festa dell’amore.

2) La…lalalala…lalalalalalalalalalalala
Ma questa aria di festa e quest’armonia
per me sono una triste agonia
il canto degli uccelli è amaro pianto
anche i fiori hanno perso il loro incanto.

Con il vento ti mandavo i miei sospiri
con il profumino della primavera,
ti prego, amore, torna accanto a me
sto morendo di malinconia.
Senza di te non c’è primavera
il sole non ha calore
che gelo in questo cuore
tutto è infelicità

Tu sola mi puoi dare
la gioia e il tepore
che riscalda la vita e fa vivere.
Se tu non torni non c’è primavera
in cielo non ci sono stelle, non c’è la luna
Per me è inverno triste e desolato
che l’anima mi stringe ogni minuto.
Vieni, tesoro, stringimi al cuore
con i tuoi baci fammi impazzire,
senti suonare a festa le campane
tu sei la primavera, sei l’amore.
La…lalalala…lalalalalalalalalalalalà

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online