GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

LASSATIMI SUNNARI

 

LASSATIMI SUNNARI 

Lassatimi sunnari
nu' 'mmi 'rriditi 'nfacci,
lassatimi sunnari!
E' bellu, sempri bellu,
comu na vota curriri
appressu a li farfalli,
duci chimere
di prima giuvintù.
Davanti a 'mmia viu
sulu nevuli scuri,
steppi scunfinati,
avari primaveri
senza sciuri e prufumi.
Lu tramuntu è vicinu,
già toccu lu traguardu cu li manu.
Nu 'mmi rassegnu ancora,
lassatimi sunnari!
Odiu stu prisenti
banali e sviguritu,
cumulu d'indulenzi,
solitu abbannunari
la viniranda età
tra ruttami e 'rrifuti.
Ma nun 'cci fazzu casu:
cuntinuu a sunnari..
Si m'avissi assaliri
lu 'mmallittu teddiu
di' na vita fallaci,
riviu u' me' passatu
è' 'cca, ju mi ritrovu!
m'addugnu allura d'essiri
un poviru dilusu,
un eroi fallutu
nun dignu di midagli
a 'ncartari lusinghi
e trufei mutulati.
ma nun m'importa nenti,
lassatimi sunnari!

                                                                                         

LASCIATEMI SOGNARE

 

Lasciatemi sognare!
non mi ridete in faccia
lasciatemi sognare!
E' bello, sempre bello,
come una volta correre
dietro le farfalle,
dolci chimere
di prima gioventù,
Davanti a me si stagliano
solo nuvole nere,
steppe sconfinate,
avare primavere
senza fiori e profumi.
Si accosta già il tramonto
ed il traguardo tocco con le mani.
Non mi rassegno ancora,
lasciatemi sognare!
Odio il presente
banale e svigorito,
cumulo d'indolenze
solito abbandonare
la veneranda età
tra rottami e rifiuti.
Non me la prendo tanto:
continuo a sognare.
Se dovesse assalirmi
il maledetto tedio
d'una vita fallace,
rinvangherò il passato
e qui io mi ritrovo.
Mi accorgo allora d'essere
un povero deluso,
un eroe fallito,
non degno di medaglie
ad incartar lusinghe
e trofei mutilati.
Ma non m'importa nulla,
lasciatemi sognare!