GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

LA VUCI DI LA MATRI

 

LA VUCI DI LA MATRI

Don don… don don….
Ascunta…Ascunta un pocu
dru 'll'eccu maistusu di campani!
Chi tinirizza sentu ni lu cori!
Pari la voci cara di me' matri
di qnannu m'annacava pianu pianu
e la cadenza di la cantalena,
l'ucchiuzzi adasciu adasciu
mi chiudiva,
ni li labbra sciuriva u' rrisulinu
comu chiddru di l'angili di 'ncelu.
Ascunta, ascunta, iu la sento ancora!
Mi sta chiamannu tutta 'mprimurata:
"Fa prestu amuri miu, si fa tardi!
La tò maestra già ti sta aspittannu!"
La sentu ancora quannu tutta pipi
a 'mmia, già granni, mi dava cunsigli
su lu caminu aspru di la vita;
la sentu ancora tristi, lenta e saggia
mentri arriprinni lu so' picciliddru
già sittanteune e teneru nonnino.
La mia cara mamma nu 'nc'è 'cchiù!
Ora mi sta aspittannu tra suspiri
comu aspittava sempri piniannu
darrè la finistrezza da' cucina
ca iu arrivassi ni la nostra casa.
Ascunta ancora! Nu' nsi stanca mai!
Cu li rintocchi di l'Avemaria
mi manna sempri messaggiu d'amuri
comu tutti li mammi ca su 'ncelu.

                                                                                         

LA VOCE DELLA MADRE


Don don… don don…
Ascolta… ascolta un poco
l'eco maestoso delle campane!
Che tenerezza sento dentro il cuore!
Sembra la voce cara di mia madre
di quando mi dondolava piano piano
e la cadenza della cantilena,
gli occhietti adagio adagio
mi chiudeva,
nelle labbra fioriva un risolino
come quello degli angeli in cielo.
Ascolta, ascolta, io la sento ancora!
Mi sta chiamando tutta premurosa:
"Fai presto, amore mio, si fa tardi!
La tua maestra già ti sta aspettando!"
La sento ancora quando tutta arzilla
a me, già grande, mi dava consigli
sul cammino aspro della vita;
la sento ancora triste lenta e saggia
mentre rimprovera il suo bimbetto
già settantenne e tenero nonnino.
La mia cara mamma non c'è più!
Ora mi sta aspettando tra sospiri
come aspettava sempre penando
dietro la finestrella della cucina
che io arrivassi nella nostra casa.
Ascolta ancora! Non si stanca mai!
Con i rintocchi dell'Avemaria
mi manda sempre messaggi d'amore
come tutte le mamme che sono in cielo