GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 135 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

CUNSULAZIONI

 

CUNSULAZIONI

Passu li me jurnati tuttu sulu
a passiari ni lu jardinedru
attornu a la me' casa silinziusa,
parlannu cu li sciuri e 'ccu l'ocedri.
Ogni rosa ca sboccia mi raccunta
na favula, favuli graziusi
ca dannu lu surrisu e u' bonu umuri.
Li margariti e i gigli di l'aioli
c'accuglienzi fìstusi ca mi fannu!
vulissiru ca ristassi 'mmenzu a loru
a sintiri l'incantu di prufumi.
Li petali di pescu, biricchini,
cadennu di li rami lentamenti,
cu dulcizza mi sfioranu lu visu.
Quanta tinirizza ca mi fannu
sti cari amici di lu jardinedru!
Nu' 'nsannu cchiù chi ffari, puvuredri,
pi 'ddari a li me' labbra un po' risu.
Ma i crisantemi, tantu addulurati.
nu' 'nsannu diri na' palerà sula.
mi guardanu cummussi sulamenti...
pi 'mmia nun c'è 'cchiu cunsulazioni!

                                                                                         

CONSOLAZIONE


Passo i miei giorni tutto solo
a passeggiare nel piccolo giardino
attorno alla mia casa silenziosa,
parlando con i fiori e con gli uccelli.
Ogni rosa che sboccia mi racconta
una favola, favole graziose
che danno il sorriso e il buon umore
Le margherite e i gigli delle aiuole,
che accoglienze festanti che mi fanno!
vorrebbero che restassi in mezzo a loro
a godermi l'incanto del profumo.
I petali di pesco, birichini,
piovendo dai rami come fiocchi
con dolcezza, mi sfiorano il viso.
Quanta tenerezza che mi fanno
i cari amici del mio giardinetto!
Non sanno più che fare, poverini,
per dare alle mie labbra un po' di sorriso.
Ma i crisantemi, tanto addolorati,
non sanno dire che una parola sola:
mi guardano commossi solamente...
per me non c'è più consolazione.