GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

ASPITTARI E NUN VINIRIA

 

 

 

ASPITTARI E NUN VINIRI

Avi c'aspettu, ca nunn 'avi cuntu
lu trenu di la gioia e di l'amuri.
N'annu passatu forsi 'cciù di centu
ma chiddru miu nu' 'nvoli passari.

Tra lagrimi, suspira e amaru ciantu
pinsava: "Ma chi si spascia pi 'vvia"?
E 'ccu l'armuzza me' cina di scantu
guardava sempri pi la ferruvia.

Avia persu ormai ogni spranza,
ma u' nfriscu acutu mi scutì lu cori.
Mi votu detru e guardu 'nluntananza:
era veru lu trenu di l'amuri.

Appena si firmà a la stazioni,
c'u' 'nvolu fu dra dintra la carrozza.
Ch 'ffacci bedri! Ch 'ccosi divini
ni dru vaguni di la giuvinezza!

Signuri me' ristavu sbammicutu:
li posti li truvavu già accupati.
Mi scuraggivu e tuttu cumpunnutu
pinzavu: ma ch 'ssunnu prinnutati?

A la 'mpruvisa vitti avvicinari
na picciuttedra cina di buntà
cu l'occhi azzurri e li capidri chiari
paria ca fussi la "Filicità".

"Signuri dissi - u' so' trenu è passatu!
ammatula c'aspetta notti e giornu.
Si 'nni turnassi a 'ccasa rassignatu
pirchì u' so' trenu nu 'nni fa ritornu.

Ma sugnu ancora dra a la stazioni
cu la valici 'mmanu ad aspittari.
Allutu a 'mmia c'è l'illusioni
ancora nu' 'mmi sacciu rassignari.

ASPETTARE E NON VENIRE

 

E’ molto tempo che aspetto che ho perso il conto
il treno della gioia e dell’amore.
Ne sono passati forse più di cento
ma quello mio non vuol passare.

Tra lagrime, sospiri e amari pianti
pensavo “ Ma che forse si è rotto per la strada”?
E con la mia anima piena di spavento
guardavo sempre verso la ferrovia

Avevo perso ormai ogni speranza
ma un fischio acuto mi scosse il cuore.
Mi volto all’indietro e guardo in lontananza:
era davvero il treno dell’amore.

Appena si fermò alla stazione,
con un volo fui dentro la carrozza.
Che facce belle, che cose divine
in quel vagone della giovinezza!

Signori miei, son rimasto sconvolto
i posti li ho trovati già occupati.
Mi scoraggiai e tutto confuso
pensavo: ma che sono forse prenotati?

All’improvviso vidi avvicinare
una signorinella piena di bontà
con gli occhi azzurri e i capelli chiari
sembrava fosse la “Felicità”.

Signore, - disse - il suo treno è passato!
È inutile che aspetta notte e giorno.
se ne ritorni a casa rassegnato
perché il suo treno non fa più ritorno.

Ma io sono ancora là, alla stazione,
con le valigie in mano ad aspettare
di lato a me c’è l’illusione
ancora non mi so rassegnare.