GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

A GILUSIA

 

 

A' GILUSIA

Lalalalalà, lalalalalà,
lalalalalalla lalalalalà,

Persi lu senzu, persi la ragiuni,
Persi a' Mmaruzza e persi lu me beni.
Ma chi malannu fu sta gilusia!
mi distrudì pi 'ssempri a' vita mia.
Comu u' 'nfatasma vaiu giriannu,
nun 'ssacciu 'cciù ni quali munnu sugnu,
si 'Mmaruzzedra nu' 'nfa 'cciù ritornu
megliu muriri ca iri piniannu.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Su' 'ttroppu amari li peni d'amuri,
sunnu cuteddra appizzati a lu cori,
Nu' 'nfannu sangu ma fannu muriri
tra spasimi, tra lagrimi e suspiri.
Comu un dispratu, ca nu' 'ntrova paci,
ti chiamu sempri, 'cci persi la vuci!
Tu nu' 'rrispunni e 'fforsi sta scialannu
tra li vrazza di nantru sta durmennu!

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Si na beddra matina t'arrisbigli,
prova di pirdunari li me'sbagli!
Torna a la casa to', ni li to' figli,
ca curpa u'' nn 'annu
di li nostri 'mbrogli.
Li trovi a la finestra suspirannu
ad aspittari sempri u' to' ritornu,
tu sula 'cci po' dari lu surrisu
a dr'angiliddri di lu pararisu.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Hannu bisognu di lu to caluri,
di carizzeddri ca fannu sunnari,
di la to' vuci ca li fa 'ncantari,
cosi ca sulu a matri sapi dari.
Torna Maruzza, comu po' scurdari
lu focu ardenti di lu nostru amuri?

LA GELOSIA

 

Lalalalalà, lalalalalà,
lalalalalalla lalalalalà,

Persi il senso, persi la ragione,
persi Maruzza e persi il mio bene.
Ma che malanno fu questa gelosia!
ha distrutto per sempre la vita mia.
Come un fantasma vado girando,
non so più in quale mondo sono,
Se Maruzzeddra non fa più ritorno
meglio morire che stare in pena..

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Sono troppo amare le pene d’amore,
sono coltelli conficcati nel cuore,
non fanno sangue, ma fanno morire
tra spasimi, lagrime e sospiri.
Come un disperato che non trova pace,
ti chiamo sempre, ci persi la voce!
Tu non rispondi e forse stai scialando
tra le braccia di un altro stai dormendo!

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Se una bella mattina ti risvegli,
prova a perdonare i miei sbagli!
Torna alla casa tua, dai tuoi figli,
che colpa non hanno
dei nostri imbrogli.
Li trovi alla finestra sospirando,
ad aspettare sempre il tuo ritorno,
Tu sola puoi dare loro il sorriso
a quegli angioletti del paradiso.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Hanno bisogno del tuo calore,
di piccole carezze che fanno sognare,
della tua voce che li fa incantare,
cose che solo la madre sa dare.
Torna Maruzza, come puoi scordare
il fuoco ardente del nostro amore?