GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

SCHEMBRI VINCENZO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

A GILUSIA

 

 

A' GILUSIA

Lalalalalà, lalalalalà,
lalalalalalla lalalalalà,

Persi lu senzu, persi la ragiuni,
Persi a' Mmaruzza e persi lu me beni.
Ma chi malannu fu sta gilusia!
mi distrudì pi 'ssempri a' vita mia.
Comu u' 'nfatasma vaiu giriannu,
nun 'ssacciu 'cciù ni quali munnu sugnu,
si 'Mmaruzzedra nu' 'nfa 'cciù ritornu
megliu muriri ca iri piniannu.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Su' 'ttroppu amari li peni d'amuri,
sunnu cuteddra appizzati a lu cori,
Nu' 'nfannu sangu ma fannu muriri
tra spasimi, tra lagrimi e suspiri.
Comu un dispratu, ca nu' 'ntrova paci,
ti chiamu sempri, 'cci persi la vuci!
Tu nu' 'rrispunni e 'fforsi sta scialannu
tra li vrazza di nantru sta durmennu!

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Si na beddra matina t'arrisbigli,
prova di pirdunari li me'sbagli!
Torna a la casa to', ni li to' figli,
ca curpa u'' nn 'annu
di li nostri 'mbrogli.
Li trovi a la finestra suspirannu
ad aspittari sempri u' to' ritornu,
tu sula 'cci po' dari lu surrisu
a dr'angiliddri di lu pararisu.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Hannu bisognu di lu to caluri,
di carizzeddri ca fannu sunnari,
di la to' vuci ca li fa 'ncantari,
cosi ca sulu a matri sapi dari.
Torna Maruzza, comu po' scurdari
lu focu ardenti di lu nostru amuri?

LA GELOSIA

 

Lalalalalà, lalalalalà,
lalalalalalla lalalalalà,

Persi il senso, persi la ragione,
persi Maruzza e persi il mio bene.
Ma che malanno fu questa gelosia!
ha distrutto per sempre la vita mia.
Come un fantasma vado girando,
non so più in quale mondo sono,
Se Maruzzeddra non fa più ritorno
meglio morire che stare in pena..

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Sono troppo amare le pene d’amore,
sono coltelli conficcati nel cuore,
non fanno sangue, ma fanno morire
tra spasimi, lagrime e sospiri.
Come un disperato che non trova pace,
ti chiamo sempre, ci persi la voce!
Tu non rispondi e forse stai scialando
tra le braccia di un altro stai dormendo!

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Se una bella mattina ti risvegli,
prova a perdonare i miei sbagli!
Torna alla casa tua, dai tuoi figli,
che colpa non hanno
dei nostri imbrogli.
Li trovi alla finestra sospirando,
ad aspettare sempre il tuo ritorno,
Tu sola puoi dare loro il sorriso
a quegli angioletti del paradiso.

Lalalalalà, lalalalalà, etc

Hanno bisogno del tuo calore,
di piccole carezze che fanno sognare,
della tua voce che li fa incantare,
cose che solo la madre sa dare.
Torna Maruzza, come puoi scordare
il fuoco ardente del nostro amore?

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

CUNSULAZIONI

 

CUNSULAZIONI

Passu li me jurnati tuttu sulu
a passiari ni lu jardinedru
attornu a la me' casa silinziusa,
parlannu cu li sciuri e 'ccu l'ocedri.
Ogni rosa ca sboccia mi raccunta
na favula, favuli graziusi
ca dannu lu surrisu e u' bonu umuri.
Li margariti e i gigli di l'aioli
c'accuglienzi fìstusi ca mi fannu!
vulissiru ca ristassi 'mmenzu a loru
a sintiri l'incantu di prufumi.
Li petali di pescu, biricchini,
cadennu di li rami lentamenti,
cu dulcizza mi sfioranu lu visu.
Quanta tinirizza ca mi fannu
sti cari amici di lu jardinedru!
Nu' 'nsannu cchiù chi ffari, puvuredri,
pi 'ddari a li me' labbra un po' risu.
Ma i crisantemi, tantu addulurati.
nu' 'nsannu diri na' palerà sula.
mi guardanu cummussi sulamenti...
pi 'mmia nun c'è 'cchiu cunsulazioni!

                                                                                         

CONSOLAZIONE


Passo i miei giorni tutto solo
a passeggiare nel piccolo giardino
attorno alla mia casa silenziosa,
parlando con i fiori e con gli uccelli.
Ogni rosa che sboccia mi racconta
una favola, favole graziose
che danno il sorriso e il buon umore
Le margherite e i gigli delle aiuole,
che accoglienze festanti che mi fanno!
vorrebbero che restassi in mezzo a loro
a godermi l'incanto del profumo.
I petali di pesco, birichini,
piovendo dai rami come fiocchi
con dolcezza, mi sfiorano il viso.
Quanta tenerezza che mi fanno
i cari amici del mio giardinetto!
Non sanno più che fare, poverini,
per dare alle mie labbra un po' di sorriso.
Ma i crisantemi, tanto addolorati,
non sanno dire che una parola sola:
mi guardano commossi solamente...
per me non c'è più consolazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

ASPITTARI E NUN VINIRIA

 

 

 

ASPITTARI E NUN VINIRI

Avi c'aspettu, ca nunn 'avi cuntu
lu trenu di la gioia e di l'amuri.
N'annu passatu forsi 'cciù di centu
ma chiddru miu nu' 'nvoli passari.

Tra lagrimi, suspira e amaru ciantu
pinsava: "Ma chi si spascia pi 'vvia"?
E 'ccu l'armuzza me' cina di scantu
guardava sempri pi la ferruvia.

Avia persu ormai ogni spranza,
ma u' nfriscu acutu mi scutì lu cori.
Mi votu detru e guardu 'nluntananza:
era veru lu trenu di l'amuri.

Appena si firmà a la stazioni,
c'u' 'nvolu fu dra dintra la carrozza.
Ch 'ffacci bedri! Ch 'ccosi divini
ni dru vaguni di la giuvinezza!

Signuri me' ristavu sbammicutu:
li posti li truvavu già accupati.
Mi scuraggivu e tuttu cumpunnutu
pinzavu: ma ch 'ssunnu prinnutati?

A la 'mpruvisa vitti avvicinari
na picciuttedra cina di buntà
cu l'occhi azzurri e li capidri chiari
paria ca fussi la "Filicità".

"Signuri dissi - u' so' trenu è passatu!
ammatula c'aspetta notti e giornu.
Si 'nni turnassi a 'ccasa rassignatu
pirchì u' so' trenu nu 'nni fa ritornu.

Ma sugnu ancora dra a la stazioni
cu la valici 'mmanu ad aspittari.
Allutu a 'mmia c'è l'illusioni
ancora nu' 'mmi sacciu rassignari.

ASPETTARE E NON VENIRE

 

E’ molto tempo che aspetto che ho perso il conto
il treno della gioia e dell’amore.
Ne sono passati forse più di cento
ma quello mio non vuol passare.

Tra lagrime, sospiri e amari pianti
pensavo “ Ma che forse si è rotto per la strada”?
E con la mia anima piena di spavento
guardavo sempre verso la ferrovia

Avevo perso ormai ogni speranza
ma un fischio acuto mi scosse il cuore.
Mi volto all’indietro e guardo in lontananza:
era davvero il treno dell’amore.

Appena si fermò alla stazione,
con un volo fui dentro la carrozza.
Che facce belle, che cose divine
in quel vagone della giovinezza!

Signori miei, son rimasto sconvolto
i posti li ho trovati già occupati.
Mi scoraggiai e tutto confuso
pensavo: ma che sono forse prenotati?

All’improvviso vidi avvicinare
una signorinella piena di bontà
con gli occhi azzurri e i capelli chiari
sembrava fosse la “Felicità”.

Signore, - disse - il suo treno è passato!
È inutile che aspetta notte e giorno.
se ne ritorni a casa rassegnato
perché il suo treno non fa più ritorno.

Ma io sono ancora là, alla stazione,
con le valigie in mano ad aspettare
di lato a me c’è l’illusione
ancora non mi so rassegnare.

 

 

 

 

 

 

 

POESIE

LA VUCI DI LA MATRI

 

LA VUCI DI LA MATRI

Don don… don don….
Ascunta…Ascunta un pocu
dru 'll'eccu maistusu di campani!
Chi tinirizza sentu ni lu cori!
Pari la voci cara di me' matri
di qnannu m'annacava pianu pianu
e la cadenza di la cantalena,
l'ucchiuzzi adasciu adasciu
mi chiudiva,
ni li labbra sciuriva u' rrisulinu
comu chiddru di l'angili di 'ncelu.
Ascunta, ascunta, iu la sento ancora!
Mi sta chiamannu tutta 'mprimurata:
"Fa prestu amuri miu, si fa tardi!
La tò maestra già ti sta aspittannu!"
La sentu ancora quannu tutta pipi
a 'mmia, già granni, mi dava cunsigli
su lu caminu aspru di la vita;
la sentu ancora tristi, lenta e saggia
mentri arriprinni lu so' picciliddru
già sittanteune e teneru nonnino.
La mia cara mamma nu 'nc'è 'cchiù!
Ora mi sta aspittannu tra suspiri
comu aspittava sempri piniannu
darrè la finistrezza da' cucina
ca iu arrivassi ni la nostra casa.
Ascunta ancora! Nu' nsi stanca mai!
Cu li rintocchi di l'Avemaria
mi manna sempri messaggiu d'amuri
comu tutti li mammi ca su 'ncelu.

                                                                                         

LA VOCE DELLA MADRE


Don don… don don…
Ascolta… ascolta un poco
l'eco maestoso delle campane!
Che tenerezza sento dentro il cuore!
Sembra la voce cara di mia madre
di quando mi dondolava piano piano
e la cadenza della cantilena,
gli occhietti adagio adagio
mi chiudeva,
nelle labbra fioriva un risolino
come quello degli angeli in cielo.
Ascolta, ascolta, io la sento ancora!
Mi sta chiamando tutta premurosa:
"Fai presto, amore mio, si fa tardi!
La tua maestra già ti sta aspettando!"
La sento ancora quando tutta arzilla
a me, già grande, mi dava consigli
sul cammino aspro della vita;
la sento ancora triste lenta e saggia
mentre rimprovera il suo bimbetto
già settantenne e tenero nonnino.
La mia cara mamma non c'è più!
Ora mi sta aspettando tra sospiri
come aspettava sempre penando
dietro la finestrella della cucina
che io arrivassi nella nostra casa.
Ascolta ancora! Non si stanca mai!
Con i rintocchi dell'Avemaria
mi manda sempre messaggi d'amore
come tutte le mamme che sono in cielo