TARTARO VITO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TARTARO VITO

POESIE

CONZAPAROLI

FACITIMI LI CUNTI

PEPPI

RANCURI

SICILIARI

VECCHIA MASSARIA

 

Vito Tartaro di Ramacca, poeta, narratore, studioso severo di dialetto.

Impiegato comunale, si avvicinò alla scrittura in tarda età, pubblicando, dal 1980 ad oggi, un saggio storico-archeologico sulla montagna del suo paese, cinque libri di poesia (più una silloge antologica inserita in un collettivo di poeti), un romanzo, una raccolta di racconti, un volume di racconti alternati a poesie, altro saggio sulla storia della Sicilia e, infine, di prossima uscita, un libro di prose postumo. Tutta la sua produzione è in dialetto, ad esclusione della sua opera saggistica d’esordio.

La scrittura di Tartaro gira essenzialmente attorno a determinati nuclei-registri: l’essere ateo, condizione che si sviluppa approdando ad una “religiosità” della Natura e dell’Uomo; il canto accorato per gli umili e gli oppressi; gli affetti familiari come unico elemento salvifico; lo scavo nella parola dialettale pura, originaria, su una scrittura tesa, non scevra da neologismi e ricerca stilistica continue; il rimpianto per una sicilianità (e per la Parola siciliana) irrimediabilmente perduta . I toni sono quelli polemici dell’impegno politico-sociale, satirici, elegiaci, modulazioni liriche, senza mai scadere nei cascami tipici di tanta letteratura folclor-popolare.

Sulla sua opera hanno scritto in molti, da Vincenzo Di Maria a Manlio Cortellazzo, da Silvana La Spina a Giuseppe Cavarra, da Salvatore Di Marco ad Adalgisa Biondi e tanti altri. Svariati i premi letterari ottenuti, fra cui il Città di Marineo, il Vann’Antò-Saitta per l’inedito e il Musco.

Con lui se ne va un pezzo della Sicilia letteraria dialettale di prestigio.

Giuseppe Samperi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TARTARO VITO

POESIE

CONZAPAROLI

CONZAPAROLI

Purtatimi paroli,

ma no d'allittrati,

paroli di colliri

di villici di Roma

di servi di la gleba

di viddani sdisciurati

pi na sarmata di frummentu all'annu

e dui cati di mennuli.

Purtatimminni zammuliati

ca sugnu conzalemmi e li riparu

medicu e li sanu

custureri e li vestu

pasticceri e ni fazzu viscotta

turruni

cunfetti.

Poi vi li rennu

chiù vivuli e belli di prima.

Li putiti mangiari

purtari comu giujelli

azzizzari la casa

fari rijali priziusi.

Accussì turnati a gluriarivi

d'unni viniti

cui siti

e sapiri unni jiti.

Vi fazzu francu stu travagghiu

a costu d'appizzaricci

valia e vavareddi.

Sulu un prisenti disiu:

quannu moru

vurricatimi di paroli

antichi o moderni

di paci o di sciarra

di repitu o di festa

ma paroli siciliani.

CONCIAPAROLE

Portatemi parole,

ma non di letterati,

parole di collire

di villici di Roma

di servi della gleba

di contadini invecchiati

per una salma di frumento l�anno

e due secchi di mandorle.

Portatemene a iosa

che sono conciabrocche e le riparo

medico e le guarisco

sarto e le vesto

pasticciere e ne faccio biscotti

torrone

confetti.

Poi ve le rendo

più vivaci e più belle di prima.

Le potrete mangiare

portare come gioielli

adornare la casa

fare regali preziosi.

Così tornerete a gloriarvi

donde venite

chi siete

e sapere dove andare.

Vi faccio gratis questo lavoro

a costo di perderci

la salute e la vista.

Solo un dono desidero:

quando muoio

seppellitemi di parole

antiche e moderne

di pace o di lite

di lamento o di festa

ma parole siciliane.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TARTARO VITO

POESIE

PEPPI

PEPPI

Setti piccati cancillati

pi ogni zazzamita ammazzata

Piccatu lu nàsciri

piccati saputi

piccati scanusciuti:

si n'accucchianu tanti ni deci anni.

Pi ogni zazzamita ammazzata

setti piccati scuntati.

Ottu pi sette cinquantasei

deci pi setti sittanta

dudici pi setti uttantaquattru…

Si armau di sfileccia

di ghiacci di jina

e partiu pi la caccia.

Rigistru di morti lu quadernu d'italianu.

Quattru journu unu

dui lu dui

cincu lu tri

novi l'innumani

tutali minsili

tutali annuali

diffirenza…

Ma ristavanu sempri piccanti pinnenti

pirchì non sapeva quant'eranu

chiddi senza cuscenza.

E quannu capiu ca non bastavanu

tutti li zazzamiti di lu munnu

cu la prima varba

ntisi viniri la malincunia

Grapiu vucca na sula vota

pi rispùnniri a la dumanna

"ma chi ti senti Pe'?:

"Un piccatu

un piccaturi contra la natura"

Poi non parrau chiù

tranni forsi cu li zazzamiti

quannu si cògghinu lu suli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TARTARO VITO

POESIE

FACITIMI LI CUNTI

FACITIMI LI CUNTI

Ora ca li cannuna arifriddaru

(centumila li morti, centumila!)

dicinu ca la guerra timminau.

Ora ch'è n'autra vota menzanotti

ni lu Kuwait amiricanizzatu

scrivuni (Centumila li caduti!):

la bella paci riturnau 'n saluti.

Centumila li morti! Cu' capisci

di nummira vo farimi li cunti?

Quantu sunnu li vivi cu la uerra

dintra la testa, quantu li stizzeri,

quantu li stizzi cavudi e saliti

nta li firiti di li cori vunchi?

Facitimi li cunti, pi favuri,

e mi diciti quantu focu d'occhi

ci voli pi bruciari na città

di dudici miliuna di spriveri.

Si non basta lu chiantu ca si fa

pi centumila morti, ci mittiti

lu chiantu di l'indiani massacrati,

di chisti chiusi dintra li riservi

comu pecuri, chiddu d'Hiroscima

e Nagasaki, di lu Viettinammi,

lu chiantu di l'America Latina,

di li figghi di Mamma Palistina.

Facitimi li cunti, pi favuri.

Junciticci, su ancora ci ni voli,

lu miu, c'ha fattu un lagu ca fumia

largu cent'anni e longu quattrucentu.

Facitimi li cunti, pi favuri,

c'aju a vulari supra Nova Yorka

lestu, chiù lestu ancora di lu ventu,

carricatu di lacrimi e d'amuri.

Facitini li cunti, prima ancora

ca chiantunu a Palermo o a Siracusa

la statua di farsa libirtà.

Facitimi li cunti, pi favuri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TARTARO VITO

POESIE

RANCURI

RANCURI

Avissi avutu na manata di paroli

di chiddi ca sannu di capicchiu di matri

e fenu vagnatizzu

ti li cicavva, Ninu,

pi scuddariti la morti

o darici sapuri di cuccia

Ma non n'aneva chiù

cà m'allamparu dintra

quannu non visti a nuddu

spuniriti cruci di chiummu e cruna di chiova

o pruìriti

na tinta vota d'acqua

Mi siccaru d'intra

li paroli di terra lavurata frisca

e pagghia ncritata

chiddi ca fannu calari lu sonnu

a picciriddi murritusi

e spizzutano d'ugghianzi

Ristaru sulu parulazzi

mparintati cu "rancuri"

a cutturiarimi:

rancuri pi l'omini

ca si votanu di ddabbanna

vidennu un Cristu viddanu

circari la morti pi riventu

Divintassi meli

sta nucidda di lava

ca mi coci lu pettu

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 37 visitatori e nessun utente online