SANTRONE CARMELO

POESIE

VERSU U MA' DISTINU

 

 

VERSU U MA' DISTINU

Aìsu l'occi versu u cielu e vidu che
un c'è versu di cangiari i iorni mia
m'addumannu se qualcunu piglierà
i cosi brutti che sù in mia ;
ia cridu che dumani qualcosa cangierà
ma poi ripensu che unn'era scrittu
nu mà distinu
Distinu mia, parlami tu
co sugnu dumani ia
sugnu forsi un granni
o, un fantocciu di paglia
ia dumannu a vattri
genti che mi stati o sciancu, amici mia
comu viditi u fari mia
vi paru umanu o puru no!

Ciudu l'occi ppi taliari d'intra mia
vidu sulu iorni senza eternità
u distinu d'ogni omu è scrittu già
bisogna sulu attèndiri
ia cridu che dumani qualcosa cangierà
ma poi m'accorgiu che
unn'era scrittu nu mà distinu
Distinu mia, parlami tu
co sarò dumani ia
sarò forsi un granni
o un fantocciu di paglia
ia chiedu a vattri,
genti che mi stati o sciancu,
amici mia
comu viditi u fari mia
vi paru umanu o puru no!

VERSO IL MIO DESTINO

Alzo gli occhi verso il cielo e vedo che
non c'è verso di cambiare i giorni miei
mi domando se qualcuno prenderà
le cose brutte che sono in me;
io credo che domani qualcosa cambierà
ma poi ripenso che non era scritto
nel mio destino.
Destino mio, parlami tu
chi sono domani io
sono forse un grande
o un fantoccio di paglia
io chiedo a voi
gente che mi state vicino, amici miei
come vedete il mio agire
vi sembro umano oppure no!.

Chiudo gli occhi per guardare dentro di me
vedo solo giorni senza eternità
il destino d'ogni uomo è scritto già
bisogna solo attendere
io credo che domani qualcosa cambierà
ma poi mi accorgo che
non era scritto nel mio destino.
Destino mio, parlami tu
chi sarò domani io
sarò forse un grande
o un fantoccio di paglia
io chiedo a voi
gente che mi state vicino,
amici miei
come vedete il mio agire

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 107 visitatori e nessun utente online