SANTRONE CARMELO

POESIE

U PUPARU

 

 

U PUPARU (1)

Na strata stritta d’intra la marina

‘na casa vascia,un granni malasè

e d’intra, un parcu di lignu e tanti seggi

pavimentu di terra, papacci e tignuseddra.

Se cci iti a matina, versu i deci,

truvati un vicciareddru tuttu biancu

che, comu u scarpareddu nu sò vancu

taglia, furma, munta e smunta i sò’criaturi’.

Passunu sutta ad iddru omin’i storia,

genti che ha fattu e sfattu tuttu u munnu;

eroi, ‘nnammurati, vili e pirati

pagliacci, cirviddruna e annasinuti:

Iddru pripara tuttu ppi la sira

ppi quannu poi cumincia a ricitari

lazza ni manu, smova chiddri pupi

citannu a menti libbruna sani sani.

Sàpa a storia ‘ntera, di tutti i paladini

e, tutti i siri i fà luttari sempri;

certi siri, metta all’opira Arlecchinu

ppi fari straluniari un pocu a genti.

Quanti carusi cci vannu a ddru tiatrinu

ccu pocu sordi s’imparunu la vita

sunnu estasiati assai di ddri muvenzi

che u puparu duna a tutti i pupi.

Corp’ì vastuna, sciabbulati e pugna

d’intra’na sira ni fa ni ‘na jinciuta’

se i vidi deci voti un ti sdegna

anzi, t’incazzi,

quannu a commedia èni già finuta.
*Colui che muove i pupi nel teatrino dei “pupi siciliani”

IL PUPARO*

Una strada stretta dentro la marina

una casa bassa, un grande magazzino

e dentro, un palco di legno e tante sedie;

il pavimento di terra, scarafaggi e ramarri.

Se ci andate di mattina, verso le dieci,

trovate un vecchietto tutto bianco

che, come un ciabattino nel suo banchetto

taglia, forma, monta e smonta le sue creature.

Passano sotto le sue mani uomini di storia,

gente che ha fatto e rifatto tutto il mondo;

eroi, innamorati, vili e pirati,

pagliacci, cervelloni e cretini:

Lui prepara tutto per la sera

quando poi comincia a recitare

con i fili nelle mani, muove quei pupi

citando a mente libroni interi.

Conosce la storia intera, di tutti i paladini

e, tutte le sere li fa lottare sempre;

certe sere invece mette all’opera Arlecchino

per fare svagare un poco la gente.

Quanti ragazzi vanno in quel teatro

con pochi soldi imparano a vivere

sono estasiati assai di quei movimenti

che il puparo imprime a tutti i pupi.

Colpi di bastone, sciabolate e pugni

dentro una serata ne fa un pieno

se li vedi cento volte non ti sdegnano

anzi ti arrabbi,
quando la commedia

è già finita.

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online