SANTRONE CARMELO

POESIE

PENA MUTA

 

 

PENA MUTA

Haiu 'na pena muta
nu mà cori
che, unn'addrisiddru a nuddru
mancu a li cani.
Putissa suvvirtiri
u munnu sanu
u rifacissa senza
mancu un cristianu.
Pirchì, sina ca c'erunu
sulu armali
u cielu e a terra
unn'erunu malati e
a natura tutta
era guvirnata
di li stasciuni e no, d'u tempu 'nfami .
Ccu sta mincia di tempu
che ammintammu
tutta a natura
d'intra un millenniu,
nui cangiammu .
Qualu palazzi, qualu città
o casi popolari
n'aviamu a stari
d'intra li caverni
senza pinzari.
Ca, cchi pinzeri che avemmu
d'intra a testa
semmunsi e nò,'bboni
a fari cazzati
e a straluniari u criatu.

PENA MUTA

 

Ho una pena silenziosa
nel mio cuore
che non desidero per nessuno
nemmeno ai cani.
Potessi sovvertire
il mondo intero
lo rifarei senza
nemmeno un uomo.
Perché, fin quando c'erano
solo animali
il cielo e la terra
non erano malati
e la natura tutta
era governata
dalle stagioni e no, dal tempo infame.
Con questa …… di tempo
che abbiamo inventato
tutta la natura
nel corso di un millennio
noi abbiamo cambiata.
Quali palazzi, quali città
o case popolari,
dovevamo abitare
dentro le caverne
senza pensare.
Perché, con i pensieri che abbiamo
dentro la testa
siamo si e no buoni
a fare cazzate
e stravolgere il creato.

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 135 visitatori e nessun utente online