SANTRONE CARMELO

POESIE

IUCANNU CU LU SURFARU

 

 

IUCANNU CU LU SURFARU

Mi ricordu, putiva aviri nov' anni,
ma è comu fussa aeri chiddru jornu.
Ja mi truvava all'ortu du zà Saru
assemi a tant'autri nu furtinu.
Furtinu fattu tuttu di surfuru,
blocchi pisanti ca ci vulivunu dui
p'arrizzittari tuttu 'ddru casinu.
E quannu era finutu, ni spartiumu:
metà ristannu dintra e l'attri fora.
Accuminciava a guerra 'ccu la fuja
fra i dò fazioni di cumbattimentu.
Vulavunu a dicina i baddrittuna
e si vidivunu i primi cucuruna
mentri quaIchi proiettili appuntutu
faciva puru 'u sangu a lu futtutu.
Quanti risati, quantu ciantu e grida
ni 'ddri menzi jurnati sutta 'u suli
ca se ci penzu mi vena straluniari
vidennu u stessu cianu com'è ora.
Cianu. cianuzzu unni nni vidisti crisciri,
cianu., cianuzzu. ca mi vidisti nàsciri,
cùntici a sti carusi d'oggi giornu
com'era tànnu 'a vita senz'affannu;
un pezzu pani 'ccu dò passiluna
eri cuntentu da matina all'una.
E quannu poi turnavi a casa tua
c'erunu tutti e nò comu ad'ora
ca dintra 'na famiglia un c'è cciuni
né amuri, né pirdunu, ma odiu 'ppi dinari.

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 181 visitatori e nessun utente online