SANTRONE CARMELO

POESIE

L'ESTREM'UNZIONE

 

 

L'ESTREM'UNZIONE

Faciva 'u chiericu 'a ciesa d'a Matrici
'ccu monsignor Billini e patri Sirina,
sirviva 'a missa d'o voti 'na jurnata
e 'o restu mi faciva 'na jucata.
'A sacristia aperta tuttu u jornu
era un viavai di genti abbisugnusi
co addumannava aiutu a 'ddru parrinu
s'inniva a casa cu lu cori cinu.

Un jornu, mi ricordu, a spinzirata,
s'arricampà un carusu scammisatu
gridannu forti: "Viniti assemi a mia
ca v'aju a purtari d'intra 'na malata.

Pijiati tuttu chiddru ca ci voni
'ppi binidirla prima ca duna sciatu.
È già arrivata 'a fini 'da sò via
e se 'un faciti a tempu è cunnanata".
D'intra un minutu, stola e libbru 'manu,
n'avviammu 'ppi li strati d'a Marina:
strati e curtiglia e picciliddri fora,
para 'na stanza sula 'ddru riuni.
All'urtimu arrivammu a 'nu curtigliu.
Fimmini fora 'ccu rusariu 'manu,
'na litania c'accianava 'ncelu
'ppi 'ddra povera armuzza scunsulata.

Accianammu 'ppi 'na scala scancarata
unu a vota, tant'era stritta assai,
trasemmu 'ntra 'na stanza quasi 'o scuru
e supra un lettu truvammu 'a sbinturata.

Libru apertu e stola supra 'ddra testa sicca,
'u parrinu accuminciani la priera.
"Signuri accuglitila 'ccu' Vui,
unn'a faciti soffriri 'cciù 'ssai
'sta povira malata, Vui 'u sapiti:
f'immina 'cesa èni sempri stata.

Se un pò parlari, ascutati 'a vuci mia,
cunta 'ppi d'iddra, 'ccu lu cori sua,
dàtici 'a grazia d'irisinni 'mparadisu,
piccati gravi unn'ava e mancu pisu."

E l'acqua santa vola 'n'aria e para
'na manu d'u Signuri c'accarizza.
Subitu 'nfaccia si ci stampa un risu
e già intra un minutu l'occiu è ciusu.

Finiscia 'u nostru compitu, oramai,
'u restu è travagliu di li parenti.
Turnammu a' cesa stanchi ma cuntenti
d'aviri n'attra armuzza purtatu a Diu.

L’ESTEMA UNZIONE

Facevo il chierichetto nella chiesa della Matrice
con Monsignor Bellini e padre Sirina,
servivo la messa due volte al giorno
e il resto del tempo mi facevo una giocata.
La sagrestia aperta tutto il giorno
era un viavai di gente che avevano bisogno, 
chi chiedeva aiuto a quel sacerdote 
ritornava a casa confortato

Un giorno, mi ricordo, all’improvviso,
venne un ragazzo senza camicia,
gridando forte: “Venite insieme a me
perché vi debbo portare presso una malata

Prendete tutto quello che ci vuole
per benedirla prima che dia l’ultimo respiro.
È già arrivata alla fine della sua strada
e se non fate in tempo è condannata

In un minuto con la stola e il libro in mano
ci avviammo per le strade della Marina:
strade e cortili e fuori tanti bambini,
sembrava una stanza sola quel rione

Alla fine arrivammo in un cortile.
Le donne erano fuori casa con il rosario in mano,
una litania che saliva in cielo
per quella povera anima sconsolata

Saliamo per una scala sgangherata
uno alla volta, perché era tanto stretta.
Siamo entrati in una stanza al buio
e sopra il letto trovammo la sfortunata

Con il libro aperto e con la stola sopra la testa pelata,
il sacerdote cominciò la preghiera.
“Signore accoglitela presso di Voi
questa povera malata, Voi lo sapete:
è sempre stata donna di chiesa

Se ella non può parlare, ascoltate la mia voce,
è come se parlasse lei, con il suo cuore,
dategli la grazia di andare in paradiso,
non ha peccati mortali e nemmeno pesi sulla coscienza

E l’acqua benedetta vola nell’aria e sembra
una mano del Signore che accarezza.
Subito in faccia compare un sorriso
e in un minuto chiude gli occhi

Ormai finisce il nostro compito,
il resto è lavoro dei parenti
Tornammo in chiesa stanchi ma contenti
d’avere portato a Dio un’altra anima santa

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 300 visitatori e nessun utente online