SANTRONE CARMELO

POESIE

A MA PRIJERA ... canzone audio

 

 

A MA PRIJERA
testo e musica: Carmelo Santrone
canta Vincenzo Santrone

Assittatu mi ni staiu dintra na ciesa,
a genti preia, ognunu ppa sò anima,
un parrinu supra artari sta priannu,
ma ia un sentu nenti, ia staiu ciancennu.

Davanti u bancu mia c'è na carusa,
si vota ogni mumentu ppi taliarimi,
ia ciudu l'occi ppù 'nci dari cuntu
e preiu u Signuruzzu, di pirdunarla.

Signuri, ascuta chista vuci
di chi ha avutu sempri fidi 'ntia;
chista carusa che mi sta taliannu
ia l'amu già da sempri e Tu lu sà,
ma unn'è chistu u postu ppi amari;
dintra a to casa vegnu ppi priari.
Ti pregu, se vò, falla vutari
ia staiu ciancennu, ma unn'è pi Tia.

LA MIA PREGHIERA

 

Seduto me ne sto dentro a una chiesa,
la gente prega, ognuno per la sua anima,
un prete sopra l'altare sta pregando,
ma io non ascolto niente, io sto piangendo.

Davanti al mio banco c'è una ragazza,
si volta ogni momento per guardarmi,
io chiudo gli occhi per non dargli retta
e prego il Signore, di perdonarla.

Signore, ascolta questa voce
di chi ha avuto sempre fede in te;
questa ragazza che mi sta guardando
io l'amo da sempre e questo Tu lo sai,
ma non è questo il posto per amare;
dentro la tua casa vengo per pregare.
Ti prego, se vuoi, falla voltare
io sto piangendo, ma non è per Te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 376 visitatori e nessun utente online