SANTRONE CARMELO

 

SANTRONE CARMELO

POESIE

A MA PRIJERA ... canzone audio

 

 

A MA PRIJERA
testo e musica: Carmelo Santrone
canta Vincenzo Santrone

Assittatu mi ni staiu dintra na ciesa,
a genti preia, ognunu ppa sò anima,
un parrinu supra artari sta priannu,
ma ia un sentu nenti, ia staiu ciancennu.

Davanti u bancu mia c'è na carusa,
si vota ogni mumentu ppi taliarimi,
ia ciudu l'occi ppù 'nci dari cuntu
e preiu u Signuruzzu, di pirdunarla.

Signuri, ascuta chista vuci
di chi ha avutu sempri fidi 'ntia;
chista carusa che mi sta taliannu
ia l'amu già da sempri e Tu lu sà,
ma unn'è chistu u postu ppi amari;
dintra a to casa vegnu ppi priari.
Ti pregu, se vò, falla vutari
ia staiu ciancennu, ma unn'è pi Tia.

LA MIA PREGHIERA

 

Seduto me ne sto dentro a una chiesa,
la gente prega, ognuno per la sua anima,
un prete sopra l'altare sta pregando,
ma io non ascolto niente, io sto piangendo.

Davanti al mio banco c'è una ragazza,
si volta ogni momento per guardarmi,
io chiudo gli occhi per non dargli retta
e prego il Signore, di perdonarla.

Signore, ascolta questa voce
di chi ha avuto sempre fede in te;
questa ragazza che mi sta guardando
io l'amo da sempre e questo Tu lo sai,
ma non è questo il posto per amare;
dentro la tua casa vengo per pregare.
Ti prego, se vuoi, falla voltare
io sto piangendo, ma non è per Te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SANTRONE CARMELO

POESIE

DOPU, FINUTA A GUERRA

 

 


DOPU, FINUTA A GUERRA


Dopu, finuta a guerra
sapissivu chi c’era
ni stu paisi, nudu
struppiatu di surdati.
Mura assubbissati
strati, comu trazzeri
monumenti caduti
e, fimmini anniuruti.
Ddri pochi carusazzi
cchi causa e i scarpuna
jucavanu ‘ppi strata
inquitannu i “Puzintuna”.
N’i strati da Marina,
scassati doppu i bummi,
fimmini assittati fora
a livari pidocci e figli.
U pani ni ‘ddri jorna
era straniatu assai
fattu di carrubba
e di farina ‘i favi.
U cafè sulu a matina,
cu tanticchia di surrugatu
e, siccomu nun c’era zuccuru
si viviva comu jadè.
A stazioni senza caselli,
era cina di surdati,
cò partiva ppa so casa,
co viniva dopu a guerra.
Stanchi, sicchi e feriti
s’arricugliunu i surdati
dopu tantu scantu e friddu
ca, parivanu annasinuti.
I muglieri, mancu a dirlu,
si stringivunu n’u cori,
e, anchi si erunu struppiati
s’abbrazzavanu, erunu vivi.
A campana di l’orologiu
unn’aviva cchiù a campana,
e anchi i cesi un’havivanu cciù
ppi sunari “Ave Maria”.
E a sira, e setti o prima
tutti d’intra cchi cannili;
riccu era cu aviva
un lumi, cinu di petroliu.
V’haiu cuntatu picciutteddri
tuttu chiddru c’accadiu
ppi na guerra maliditta
ca purtà sulu ruvina.
Stati attenti, vattri ora,
e taliati a cò cumanna,
accussì appena u vidìti,
arripigliati a co sbaglia.
U munnu, si sapi,
è na palla ca gira;
tuttu chiddu ca passa
ava a viniri arrè.

                                                       

DOPO, FINITA LA GUERRA 

Dopo, finita la guerra
voglio dirvi cosa c’era
in questo paese, nudo
rovinato con solo soldati
Mura cadute,
strade, come trazzere
monumenti diroccati
e, donne vestite di nero.
Quei pochi ragazzacci
con i calzoni (corti) e scarpacce
giocavano per strada
disturbando i “Potenti”.
Nelle strade della Marina,
rotte dalle bombe,
donne sedute fuori
a levare pidocchi ai figli.
Il pane in quei giorni
era strano assai
fatto con carrubbe
e con farina di fave.
Il caffè solo la mattina,
con un po’ di surrogato
e, siccome non c’era zucchero
si beveva in qualsiasi modo.
La stazione, senza caselli,
era piena di soldati,
chi partiva per la sua casa,
chi veniva dopo la guerra.
Stanchi, dimagriti e feriti
rientravano i soldati
dopo tante paure e freddo
tanto da sembrare rimbambiti.
Le mogli, manco a dirlo,
se li stingevano al cuore
e anche se erano storpi
li abbracciavano, erano vivi.
La torre dell’orologio (al Comune)
non aveva più campana,
ed anche le chiese non le avevano
per suonare l’Ave Maria.
E la sera, alle sette o prima
tutti erano in casa con le candele;
ricco era chi aveva
un lume, pieno di petrolio.
Vi ho raccontato giovanotti
tutto quello che è accaduto
per una guerra maledetta
che ha portato solo rovina.
State attenti, voi altri ora,
e guardate chi comanda,
così quando sbagliano,
potete correggerli
Il mondo si sa,
è una palla che gira:
tutto quello che passa
ritornerà di nuovo

 

 

 

 

 

 

 

 

SANTRONE CARMELO

POESIE

DIU MIA NO! ... canzone audio

 

 


DIU MIA NO!


Diu mia no!
un pò fari chistu
t'haiu sirvutu fedelmenti sinu ad oggi
un pò certu ripagarimi comu fà
pirchì u fà
amuri mia
a carusa mia
un mi pò luvari ora fà parti du ma cori
un pò esseri veru che mi lassa
che u vòni u vòni iddra
si Tu
che cangiasti a saggizza d'intra a so menti
è curpa Tua
se u so cori ppi mia un trema
cciù d'amuri
dimmi Tu ora cchi fazzu
senza iddra
Diu mia nò
ora u sacciu
mi criasti sulamenti ppi sirviriti
ppi rifariti di tutti chiddri che unn'hannu
fidi in Tia.

                                                                                                                         

DIO MIO NO!

 

Dio mio no! Non puoi fare questo
t’ho servito fedelmente
sino ad oggi
non puoi certo ripagarmi come fai,
perche lo fai
Amore mio, la mia ragazza
non puoi levarmi
ora fa parte del mio cuore
non può essere vero che mi lascia
che lo vuole, lo vuole lei
sei Tu che hai cambiato la saggezza dentro la sua mente
è colpa tua se il suo cuore
non trema d’amore più per me
Dimmi Tu ora che faccio
Senza Lei
Dio mio no!
ora lo so
mi hai creato solamente per
per rifarTi di tutti coloro
che non fanno fede in Te

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SANTRONE CARMELO

POESIE

L'ESTREM'UNZIONE

 

 

L'ESTREM'UNZIONE

Faciva 'u chiericu 'a ciesa d'a Matrici
'ccu monsignor Billini e patri Sirina,
sirviva 'a missa d'o voti 'na jurnata
e 'o restu mi faciva 'na jucata.
'A sacristia aperta tuttu u jornu
era un viavai di genti abbisugnusi
co addumannava aiutu a 'ddru parrinu
s'inniva a casa cu lu cori cinu.

Un jornu, mi ricordu, a spinzirata,
s'arricampà un carusu scammisatu
gridannu forti: "Viniti assemi a mia
ca v'aju a purtari d'intra 'na malata.

Pijiati tuttu chiddru ca ci voni
'ppi binidirla prima ca duna sciatu.
È già arrivata 'a fini 'da sò via
e se 'un faciti a tempu è cunnanata".
D'intra un minutu, stola e libbru 'manu,
n'avviammu 'ppi li strati d'a Marina:
strati e curtiglia e picciliddri fora,
para 'na stanza sula 'ddru riuni.
All'urtimu arrivammu a 'nu curtigliu.
Fimmini fora 'ccu rusariu 'manu,
'na litania c'accianava 'ncelu
'ppi 'ddra povera armuzza scunsulata.

Accianammu 'ppi 'na scala scancarata
unu a vota, tant'era stritta assai,
trasemmu 'ntra 'na stanza quasi 'o scuru
e supra un lettu truvammu 'a sbinturata.

Libru apertu e stola supra 'ddra testa sicca,
'u parrinu accuminciani la priera.
"Signuri accuglitila 'ccu' Vui,
unn'a faciti soffriri 'cciù 'ssai
'sta povira malata, Vui 'u sapiti:
f'immina 'cesa èni sempri stata.

Se un pò parlari, ascutati 'a vuci mia,
cunta 'ppi d'iddra, 'ccu lu cori sua,
dàtici 'a grazia d'irisinni 'mparadisu,
piccati gravi unn'ava e mancu pisu."

E l'acqua santa vola 'n'aria e para
'na manu d'u Signuri c'accarizza.
Subitu 'nfaccia si ci stampa un risu
e già intra un minutu l'occiu è ciusu.

Finiscia 'u nostru compitu, oramai,
'u restu è travagliu di li parenti.
Turnammu a' cesa stanchi ma cuntenti
d'aviri n'attra armuzza purtatu a Diu.

L’ESTEMA UNZIONE

Facevo il chierichetto nella chiesa della Matrice
con Monsignor Bellini e padre Sirina,
servivo la messa due volte al giorno
e il resto del tempo mi facevo una giocata.
La sagrestia aperta tutto il giorno
era un viavai di gente che avevano bisogno, 
chi chiedeva aiuto a quel sacerdote 
ritornava a casa confortato

Un giorno, mi ricordo, all’improvviso,
venne un ragazzo senza camicia,
gridando forte: “Venite insieme a me
perché vi debbo portare presso una malata

Prendete tutto quello che ci vuole
per benedirla prima che dia l’ultimo respiro.
È già arrivata alla fine della sua strada
e se non fate in tempo è condannata

In un minuto con la stola e il libro in mano
ci avviammo per le strade della Marina:
strade e cortili e fuori tanti bambini,
sembrava una stanza sola quel rione

Alla fine arrivammo in un cortile.
Le donne erano fuori casa con il rosario in mano,
una litania che saliva in cielo
per quella povera anima sconsolata

Saliamo per una scala sgangherata
uno alla volta, perché era tanto stretta.
Siamo entrati in una stanza al buio
e sopra il letto trovammo la sfortunata

Con il libro aperto e con la stola sopra la testa pelata,
il sacerdote cominciò la preghiera.
“Signore accoglitela presso di Voi
questa povera malata, Voi lo sapete:
è sempre stata donna di chiesa

Se ella non può parlare, ascoltate la mia voce,
è come se parlasse lei, con il suo cuore,
dategli la grazia di andare in paradiso,
non ha peccati mortali e nemmeno pesi sulla coscienza

E l’acqua benedetta vola nell’aria e sembra
una mano del Signore che accarezza.
Subito in faccia compare un sorriso
e in un minuto chiude gli occhi

Ormai finisce il nostro compito,
il resto è lavoro dei parenti
Tornammo in chiesa stanchi ma contenti
d’avere portato a Dio un’altra anima santa

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online