SALVO VALERIA

 

POESIE

SULU RADICHI 

 

SULU RADICHI 

Ti sciauru, 
ni sta notti d’estati, 
sutta un tettu di stiddi bianchi 
e li tenni ballerini, cumpagni du ventu leggiu:  
a vita è ora 
e ‘ncastru tutti li pinsera. 
Pruvavu, a stariti luntana,
fu na granni imprisa…
li radichi mi vulivanu spiccicari 
ma l’amuri ca mi detti Diu 
è cchiù forti di ogni mancanza 
e attaccata a ttìa, mi fici ristari. 

Ti vasu, 
ni sta notti d’estati,
‘ngapu na manu eterna di sabbia fina 
e paroli nun n’haiu e parole non ho
picchì si tuttu lu me sciatu, 
ca parti dill’arma e respiru, ogni secunnu, 
si ddu disìu tantu prigatu. 
Ddi occhi nivuri su comu stu cielu curcatu 
ca s’inchiovanu n’testa e arripusari un mi lassanu. 

E u cori sbatti n’pettu, senza paci,
comu n’addevu ca sta criscennu 
ma un sapi ancora natari. 

Sicilia, casa mia, 
passìari di chiazzaroli, lambretti di cipuddari
e passuluna ni li barracchi di mercatu, 
lu sciauru ca fa ‘mbriacari. 

Pirduta e sula mi sintiva pi ddi vaneddi 
unni n’sicilianu nun sintiva cchiù parlari: 
muriri ccà mi fannu, pinsavu, 
la borsa di grana, china china, 
vistita di lussu, vestiti di lusso,
tuvagli di sita 
e lu cori svacantatu.
Arridiri cchiù nun sapiva.
Nun vidiva cchiù lu mari e tutti li siciliani, 

SOLO RADICI

Ti annuso,
in questa notte d’estate,
sotto un tetto di stelle bianche
e le tende ballerine, compagne del vento leggiadro:
la vita è ora
e incastro tutti i pensieri.
Ho provato, a starti lontana,
fu una grande impresa… 
le radici volevano staccarmi
ma l’amore che mi ha dato Dio
è più forte di ogni mancanza
e attaccata a te, mi fece restare.

Ti bacio,
in questa notte d’estate,
sopra una mano eterna di sabbia fine
perché sei tutto il mio fiato,
che parte dall’anima e respiro, in ogni secondo,
che parte dall’anima e respiro, in ogni secondo,
sei quel desiderio tanto pregato
Quegli occhi neri sono come questo cielo coricato
che s’inchiodano in testa e riposare non mi lasciano

E il cuore sbatte in petto, senza pace,
come un bambino che sta crescendo
ma non sa ancora nuotare.

Sicilia, casa mia,
passeggio dei piazzaioli, lambrette dei cipollai
e olive nere nelle bancarelle di mercato,
l’odore che fa ubriacare.

Dispersa e sola mi sentivo per quelle stradine
dove in siciliano non sentivo più parlare:
morire qui mi fanno, pensai,
la borsa di soldi, piena piena,
vestiti di lusso

tovaglie di seta
e il cuore svuotato.
Ridere più non sapevo.
Non vedevo più il mare e tutti i siciliani.

                                                                                                                           

   


 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 96 visitatori e nessun utente online