RAGUSA ANGELA

 

POESIE

DICU MUTA MUTA


TI DICU MUTA MUTA

Tu dicu muta muta ‘nta sta sira,
unni la luna spirluci ca ‘nto cielu
e l’ancili ammucciati arretu li stiddi
iocanu comu tanti picciriddi

Ti dicu muta muta picchì nuddu po’ sapiri
quantu ranni è chista smania ca di tia
mi fa ‘mpazziri e mi stocca puru l’anchi
comu nu iuncu passata ‘a china…

E tu ascuti la me vuci ‘mbarsamata
ca ti trasi inta l’aricchi e ncutta ncutta
ti suspira quantu beni ca ti vogghiu
mentri occhi intra all’occhi
si sazianu d’amuri.

                                                                                                

TI DICO MUTA MUTA

Ti dico muta, muta in questa sera,
dove la luna risplende qui nel cielo
e gli angeli nascosti dietro mle stelle
giocani come tanti bambini.

Ti dico muta, perchè nessuno può sapere
quanto grande è questa smania che di te
mi fa impazzire e mi rompe pure le anche
come un giunco passato sotto la piena...

E tu ascolti la mia voce imbalsamata
che ti entra dentro le orecchie e con insistenza
ti sospira quanto bene che ti voglio mentre
gli occhi miei dentro i tuoi occhi
si saziano d'amore

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 94 visitatori e nessun utente online