RAGUSA ANGELA

 

POESIE

LU MARI CA MI PARRA

 


LU MARI CA MI PARRA

Chiù lu talìu e chiù mi pari beddu
stu mari miu ca int’all’occhi si disperdi.
La maravigghia è sempri ranni
e mi pari ca mi parra.
Patrunu novu s’appresenta senza ‘nvitu
e ti cumanna di stari fissu e fermu
dinanzi a la so forza e a lu so putiri.

Mentru l’unni, chianu, s’arrivotano ‘nta la riva,
comu spirduta, s’allinchi di disìu lu cori miu
d’agguantari tutta sta biddizza ca si tramuta
comu cielu disignatu supra ‘n quatru.
E quannu pensu a la fini d’ogni cosa
mi viru assittata in faccia a iddu
ascutannu lu cuntu duci di li stiddi,
mentre di tutta l’arma mia s’impussessa .

                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

IL MARE CHE MI PARLA

Più lo guardo e più mi pare bello
questo mare che dentro agli occhi miei si perde.
La meraviglia è sempre grande

e pare che mi parli.
Padrone nuovo, si presenta senza invito
e ti comanda di stare fermo e fisso
di fronte alla sua forza e al suo potere.

Mentre le onde, piano, si adagiano alla riva,
come stranita, si riempie di desiderio il cuore mio di afferrare tutta questa bellezza che si trasforma come cielo, disegnato sopra un quadro.
E quando penso alla fine di ogni cosa
mi vedo seduta di fronte a lui
ascoltando il canto dolce delle stelle,
mentre si impossessa di tutta l anima mia.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 258 visitatori e nessun utente online