RAGUSA ANGELA

 

RAGUSA ANGELA

 

POESIE

COMU ACEDDI

COMU ACEDDI

Pizzuliami lu cori , comu fa na palummedda
ca si cunnulia cu nu pizzuddu ‘i pani
ca trova n’terra e su mangia tutto,
a picca a picca.
Appuiatu supra a la me spadda,
carizzami li capiddi,
sciogghimi li sensi,
pigghiami li manu
e dimmi quantu beddu è lu sognu
ca l'ali, comu aceddi, ci fa spuntari.

COME UCCELLI

Beccami il cuore, come fa una colombella
che si accontenta di un pezzetto di pane
che trova a terra, e se lo mangia tutto,
a poco a poco.
Appoggiato sopra la mia spalla, accarezzami i capelli,
scioglimi i sensi,
prendimi le mani
e dimmi quanto bello è il sogno
che le ali, come uccelli, ci fa spuntare.

 

 

RAGUSA ANGELA

 

POESIE

LU MARI CA MI PARRA

 


LU MARI CA MI PARRA

Chiù lu talìu e chiù mi pari beddu
stu mari miu ca int’all’occhi si disperdi.
La maravigghia è sempri ranni
e mi pari ca mi parra.
Patrunu novu s’appresenta senza ‘nvitu
e ti cumanna di stari fissu e fermu
dinanzi a la so forza e a lu so putiri.

Mentru l’unni, chianu, s’arrivotano ‘nta la riva,
comu spirduta, s’allinchi di disìu lu cori miu
d’agguantari tutta sta biddizza ca si tramuta
comu cielu disignatu supra ‘n quatru.
E quannu pensu a la fini d’ogni cosa
mi viru assittata in faccia a iddu
ascutannu lu cuntu duci di li stiddi,
mentre di tutta l’arma mia s’impussessa .

                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

IL MARE CHE MI PARLA

Più lo guardo e più mi pare bello
questo mare che dentro agli occhi miei si perde.
La meraviglia è sempre grande

e pare che mi parli.
Padrone nuovo, si presenta senza invito
e ti comanda di stare fermo e fisso
di fronte alla sua forza e al suo potere.

Mentre le onde, piano, si adagiano alla riva,
come stranita, si riempie di desiderio il cuore mio di afferrare tutta questa bellezza che si trasforma come cielo, disegnato sopra un quadro.
E quando penso alla fine di ogni cosa
mi vedo seduta di fronte a lui
ascoltando il canto dolce delle stelle,
mentre si impossessa di tutta l anima mia.

 

 
 
 
 

 

RAGUSA ANGELA

 

POESIE

SI PUTISSI…

SI PUTISSI…

Si dintra a lu me cori putissi scaminari
comu dintra a nu casciolu 'nticu,
ju ci putissi attrùvari li ricorda chiù beddi,
chiddi luntani e pirduti, di jochi di picciriddi,
di cunti scurdati e di carizzi riialati.

Si a lu me cori facissi la cunfissioni
di quantu mi manca lu tempu passatu
li me pinseri spirluccicassiru comu lu granu
suttu a lu suli ni lu misi di giugniu.

Si da lu me cori si susissi iautu lu cantu
di chidda ninnananna
che la me nanna mi cantava,
putissi turnari ‘n’autra vota arzunedda
a ‘nficcàrimi dintra lu pettu
da ruci mè matruzza,
e sugnari di principi azzurri,
di laghi ‘npercantati,
d' aquiluni di milli culura.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

SE POTESSI...

Se dentro al mio cuore potessi frugare
come dentro ad un cassetto antico,
io potrei ritrovare i ricordi più belli,
quelli lontani e perduti, di giochi di bambini,
ci racconti dimenticati e di carezze regalate.

Se al mio cuore farei la confessione
di quanto mi manca il tempo passato
i miei pensieri brillerebbero come il grano
sotto al sole nel mese di giugno.

Se dal mio cuore si alzasse alto il canto
di quella ninnananna
che mia nonna mi cantava,
potrei tornare un'altra volta bambinetta
a introdurmi dentro il petto
della mia dolce mamma,
e sognare di principi azzurri,
di laghi iperincantati
d'aquiloni di mille colori.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                

 

 
 
 
 

 

RAGUSA ANGELA

 

POESIE

'NA PICCIRIDDA

'NA PICCIRIDDA

Passanu li jorna e la vita si n'abbola.
Ianchi si ficiru li capiddi
e li manu ora m’attremanu.
Ma nenti m'haiu scurdatu.
Mi taliu d'arretu
e i ricordi a picca a picca firrianu.
Quanti spiranzi, quanti sogni,
quannu nica nica taliava li stiddi
cà ‘nto misi d'auustu da lu cielu scinnivanu.

E com’era bedda la pupidda
che “li morti” mi facevanu attruari
la matina di lu due di novembri.
E lu lettu di la mamma quant’ era sapuritu!
Spiddi, mavari e lupi…
tutto scumpariva quannu lu caluru
di li so vrazza assapurava suttu a li cuperti.

Chi stranu!
chiù pensu, chiù m’ arricordu.
Passanu li jorna e la vita si nni và.
Ma ju restu, comu allura,
sempri na picciridda!

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

UNA BAMBINA

Passano i giorni e la vita se ne vola.
Bianchi si son fatti i capelli
e le mani ora tremano.
Ma niente mi son dimenticato.
Mi guardo indietro
e i ricordi a poco a poco ritornano.
Quante speranze, quanti sogni,
quando, piccolina, guardavo le stelle
che nel mese d'agosto dal cielo scendevano.

E com'era bedda la pupetta
che "i morti" mi facevano trovare (1)
la mattina del due di novembre.
E il letto della mamma quant'era saporito!
Spiriti, indovine e lupi...
tutto scompariva quando il calore
delle sue braccia assaporavo sotto le coperte.

Che strano!
più penso e più mi ricordo.
Passano i giorni e la vita se ne va.
Ma io resto, come allora,
                          sempre una piccolina!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

1) era usanza che nella festa dei morti, il due di novembre in Sicilia, i bambini trovavano al loro risveglio una pupetta di zucchero compresso e colorato, veniva detto che i morti, nonni o altre persone care, di notte portavano il regalo, oggi quest'usanza si è persa, coll'uniformarsi tramite i media in unico schema, e ai bambini vengono regalati giocattoli, sempre lasciati dai morti.

 

 
 
 
 

 

RAGUSA ANGELA

 

POESIE

DICU MUTA MUTA


TI DICU MUTA MUTA

Tu dicu muta muta ‘nta sta sira,
unni la luna spirluci ca ‘nto cielu
e l’ancili ammucciati arretu li stiddi
iocanu comu tanti picciriddi

Ti dicu muta muta picchì nuddu po’ sapiri
quantu ranni è chista smania ca di tia
mi fa ‘mpazziri e mi stocca puru l’anchi
comu nu iuncu passata ‘a china…

E tu ascuti la me vuci ‘mbarsamata
ca ti trasi inta l’aricchi e ncutta ncutta
ti suspira quantu beni ca ti vogghiu
mentri occhi intra all’occhi
si sazianu d’amuri.

                                                                                                

TI DICO MUTA MUTA

Ti dico muta, muta in questa sera,
dove la luna risplende qui nel cielo
e gli angeli nascosti dietro mle stelle
giocani come tanti bambini.

Ti dico muta, perchè nessuno può sapere
quanto grande è questa smania che di te
mi fa impazzire e mi rompe pure le anche
come un giunco passato sotto la piena...

E tu ascolti la mia voce imbalsamata
che ti entra dentro le orecchie e con insistenza
ti sospira quanto bene che ti voglio mentre
gli occhi miei dentro i tuoi occhi
si saziano d'amore

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online