RUSSO CATERINA

 

POESIE

ZZI' MICHELE

 

ZZI' MICHELE

Zzi Micheli, Zzi Micheli,
apra l'occi stamatina,
lassa u lettu
e ni to malanni u 'ntaffissari.
I parintuzzi tutt'attomu ti stanu
pronti sunu
e u lassitu aspettinu.
Pi vidiri se si canciatu
a to fascia talianu.
Mi para sirenu, dicia unu.
No, è di malu culuri, dicia n'attru.
Zittemmini, dicia un terzu,
se renna l'urtumu suspiru
mancu u putemmu sentiri.
Sparagnammini a vuci
pi quannu amma ripitiari:
U zzì Micheli muriiia!!!
ZzìMicheli, zzì Micheli,
apra l'occi,
susiti,
è bella a matina,
arrida. sciala e canta sta canzuna:
Parintuzzi, parintuzzi,
itivinni !
Ammatula vi stancati.
Pirchi tantu piniati?
Curaggiu, dativi paci!
Longu, longu è ancora u tempu,
ammatula aspittati!

                                                                                                                 

ZIO MICHELE

Zio Michele, zio Michele,
apri gli occhi stamattina
lascia il letto
e nei tuoi malanni non ti fissare.
I cari parenti tutti attorno ti stanno,
pronto sono
e il lascito aspettano.
Per vedere se sei cambiato
il tuo volto guardano.
Mi sembra sereno, dice uno.
No, è di brutto colore, dice un altro
Stiamo zitti, dice un terzo,
se esala l'ultimo respiro
neanche possiamo udirlo
Risparmiamoci la vole
per quando dobbiamo ripetere ( con grida lamentose)
Zio Michele è morto!
Zio Michele, zio Michele,
apri gli occhi,
alzati,
è bella la mattina,
ridi, divertiti e canta questa canzone:
Cari parenti, cari parenti,
andate vial
Inutilmente vi stancate.
Perchè tanto penate?
Coraggio, datevi pace!
Lungo,lungo è angora il tempo,
inutilmente aspettate!

                                                                                                                 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 85 visitatori e nessun utente online