GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 204 visitatori e nessun utente online

PATTI ALESSIO

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

BIDDIZZA video

DIU COMU L'AMU! video

LA NASCITA video

SIDD'AMARI DI CHIÙ SI PÒ video

 

 

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

BIDDIZZA VIDEO

 

 

BIDDIZZA

Biddizza ca circunni l'arma,
di tia non lu lìmpiu di la purizza pigghiai,
né lu focu di la passioni ma, di lu fruttu
di lu spirluciu e decòru divinu,
mudillata in formi dilicati di culuri nìuru e pèrsicu,
nta occhi di mari cristallinu, di celu stiddatu
e di sfumaturi tirrusi, t'accittai.

In furgiati minnuzzi gerbi e in sfruntatu pettu,
distinati ad appassionati senzi, t'arricanuscii.
E visti li to' trizzi apparàriti la testa
comu longhi fila ramati a lu suli spirlucenti.

Spanu lu còriu, di nudda vesti eri allicchitata:
la to duci peddi era comu la chiù dilicata sita.

Non visti né liniamenti, né sessu:
nta similitudini celesti avevi furma.
Mi rapisti di mia stissu appena jarzuneddu,
livannu a lu toccu chiddu chi la vardata aveva palisatu.
E lu disìu di tia mi pigghiò lu cori di la prima
vardata nnucenti a l'ultima chiù attrivita e nsullenti.

BELLEZZA

Bellezza che cingi l'anima,
non il candore della purezza ho colto di te,
né il fuoco della passione ma, dal frutto
della luce e del decoro divino,
plasmata in asciutte forme color nero e pesca,
occhi di mare cristallino, di cielo stellato
e di sfumature terrose, ti ho accettata.

In forgiati seni acerbi e in procaci mammelle,
destinati ad appassionati sensi, ti riconobbi.
E le trecce, come lunghe fila ramate, vidi
al sol rilucenti ornarti il capo.

Glabra la pelle, non eri cinta d'alcuna veste:
la carnagione ti ornava come la più preziosa seta.

Non scorsi né fisionomia, né sesso:
in similitudine celeste avevi forma.
Mi rapisti da me stesso appena giovinetto,
togliendo al tocco quel che lo sguardo aveva svelato.
E il desio di te mi ha preso il cuore dal primo
innocente sguardo all'ultimo più impavido e insolente

 

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

LA NASCITA

 

 

LA NASCITA

Di la passioni e zelu di lu Misteriu,
pi 'n preju di lu Viventi Diu,
pigghiò vita la rifrattaria scorcia.

Spiddìu lu rizzettu, la campa umana
si cataminò, li filamenti squagghiaru,
la placenta spirituali si scucchiò.

Grèvia fu la nascita di la criazioni,
nta lu pettu fu schigghienti lu
primu battitu di lu cori.

E fu Vita!
E fu Chiantu!
E fu Scrusciu di denti!

E fu lu primu jornu.

                                                                                                  

LA NASCITA

Dall'impetuosa passione del Mistero
e per un diletto del Dio vivente,
piglia vita il bozzolo refrattario.

Cessa la requie, la crisalide umana
si dimena, i filamenti si liquefanno,
la placenta spirituale si distacca.

Dolente è il parto della creazione,
lancinante nel petto il primo battito
del cuore.

È fu Vita!
È fu Pianto!
È fu Strido di denti!

È fu il primo giorno.

                                                                                                                         

 

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

BDIU COMU L'AMU!

 

 

DIU COMU L'AMU!

Spirluciu d'ogni fissura si fa strata,
pruvucanti ciàuru di zagara trabucca,
sonu d'arpa spargi risunanza
e di lu cori 'n trantulu quadìa l'armunia.

Diu comu l'amu!

Ni l'arma ogni ciacca porta lu so nomu,
ogni suspiru duci è la so vuci,
la so peddi dilicata ogni culuri,
l'occhi so' du' limpii stiddi.

Appena a 'n palmu è la so vucca
e p'accarizzarila bastassi 'n jitu
si' non frinassi la tuccata
na stritta nfirriata e 'n carzaratu muru.

O liena sorti
c'afflittu facisti lu me fatu,
ca la schiavitù pusasti
supra a li me' uri risulenti,
cu friddizza... la lassasti jiri.

E tu, amuri miu,
mai sintisti prijiera,
e li me' nciammati duci paroli:

Diu comu l'amu!  

                                                                                                  

DIO COME L'AMO

Luce da spiraglio si fa strada,
effluvio stuzzicante di zagara trabocca,
suono d'arpa espande risonanza
e del cuore scalda l'armonia un fremito.

Dio come l'amo!

Nell'anima ogni fenditura porta il suo nome,
la sua voce è ogni sibilo armonioso,
la sua pelle ogni tenue colore,
gli occhi due stelle cristalline.

Appena a un palmo è la sua bocca
e ad accarezzarla basterebbe un dito
se non fitta grata
e inaccessibile muro impedisse il tocco.

O imperturbabile sorte
che gramo facesti il mio fato,
il giogo ponesti sulle mie ore liete,
con freddezza... la lasciasti andare.

E tu, mio amore,
mai sentisti preghiera,
e le mie dolci arroventate parole:

Dio come l'amo!

 

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

SIDD'AMARI DI CHIU' SI PO'

 

 

SIDD'AMARI DI CHIU' SI PO'

Primurusu, di violi e rosi
paru li to' trizzi,
primaria biddizza,
madonna chiù di Vèniri.
Di finu velu blu,
di perli e filamenti d'oru,
vestu la peddi lìmpia
e cu scrùpulu m'avvicinu
a lu mprucchiatu pettu.
Senza rizzettu lassu
chi l'occhi me' lu cuntemplanu,
lu viniranu li me' labbra e
l'allavina lu riverbu
di li me' pinseri.
T'aduru picciuttedda,
senza prilùdiu, mai pruvvisòriu,
comu s'adura na santa,
e t'amu comu na matri
suspira la so criatura;
di chiù t'amu,
sidd'amari di chiù si po'.

                                                                                                  

SE AMAR DI PIU' SI PUO'

Carezzevole, di viole e rose
adorno la tua chioma,
saliente bellezza,
madonna più di Venere.
Di fine velo blu,
di perle e fili d'oro,
ricopro la pelle nitida
e con zelo m'accosto
al turgido seno.
Senza requie lascio
che i miei occhi lo contemplino,
lo venerino le mie labbra e
lo inondi il riverbero
dei miei pensieri.
T'adoro fanciulla,
senza preludio, mai effimero,
come s'adora una santa,
e t'amerò come una madre
anela la sua creatura;
di più ancora t'amerò,
se amar di più si può!