GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

STU RANNAZZU SCURU SCURU

 

 

STU RANNAZZU SCURU SCURU.

Stà Rannazzu sutta a muntagna ...
‘nta vallata ri l’arcantara ...
ri lu sciummi ca a lattu ci scurri...
chi cantannu scenni e scenni...
stu Rannazzu mi ricordu ...
riccu ri frumentu e ri ligumi...
pi li srati i sciccarelli ...
cu condadinu passavunu a mattinata....

E lu suri u luminava,
u codiava l’amuri ra genti....
erunu tutti comu i frati e suoru...
si iutavanu e si capivunu ....
u paisi ri Rannazzu ...
avanti si purtava ...

Prestu vinni u progressu
chi purtau i commorità ...
i cristiani tutti spirtinu,
lunu e lautru si supraniau..
E si campa ri superbia ...
i ricchizzi ormai si mirau
si pirdinu i principi...
e lu Rannazzu paisi magnificu
scuru scuru divintau...

E paria un giardinu fioritu
chi ormai non pari chiui....

                                                                            

 QUESTO RANDAZZO SCURO SCURO

Sta Randazzo sotto la montagna,
nella vallata dell’Alcantara...
di quel fiume che accanto scorre
che cantando scende e scende...
questo Randazzo mi ricordo
ricco di frumento e di legumi...
per le strade gli asinelli
passavano col contadino la mattina presto...

E il sole lo illuminava,
lo riscaldava l’amore della gente...
Erano tutti come fratello e sorella,
si aiutavano e si capivano...
I Il paese di Randazzo
avanti si portava...

Presto è venuto il progresso,
che ha portato le comodità...
le persone tutte sono evolute
e l’uno e l’altro ti sopraffanno....
E si vive di superbia
si mira alle ricchezze
e si perdono i principi...
E Randazzo paese magnifico
scuro scuro è diventato..

E sembrava un giardino fiorito
che ormai non sembra più

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 41 visitatori e nessun utente online