GULLOTTO SANTINA

 

POESIE

A UNNI RIVAMMU

 

 

A UNNI RIVAMMU.

Quannu eru piccirilla,
sta vita mi simbrava
già na srata tutta ri chianata...
Ma no mi putia magginari
finu a quari puntu si putia rivari...
Quannu eru piccirilla
da srata si iucava, si cantava
e tuttu semplici simbrava...
Quannu rivava a duminica
sempri festa era...
U vestitinu nuovo mi mintia
pi iri da chiesa e poi o mercatu...
Era sempri chillu u vestitinu
chi me suori sevia misu
fina chi curtu ci divintau...

Ora unni si rivau...
Cu telefoninu a ricchia
c’è pifinu u chiu puvuriellu...
E ciannu puri laipad, pifina i piccirilli,
maginativi i ranni chi ni cangianu unu ogni simana,
senza pinsarici du votti....
e ca chi rivammu e chi vi spiettu,
no pensu chi si po chiui iri avanti...

                                                     

DOVE SIAMO ARRIVATI.

Quando ero piccola
questa vita mi sembrava già
una strada tutta in salita....
Ma non potevo immaginare
fino a che punto si poteva arrivare...
Quando ero piccola
nella strada si giocava, si cantava
e tutto semplice sembrava...
Quando arrivava la domenica
sempre festa era...
Il vestitino nuovo mi mettevo
per andare in chiesa e al mercato...
Era sempre quello il vestitino
che mia sorella si era messo
fino che corto le era diventato...

Ora dove si è arrivati...
col telefonino all’orecchio
c’è perfino il più poveretto...
Hanno pure l’aipad perfino i più piccoli...
Figuriamoci i grandi che ne cambiano
uno alla settimana,
senza pensarci due volte...
E qua siamo arrivati, e qua vi aspetto...
non penso che si può più andare avanti...

                                                                                                             

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online