CARDELLO GIUSEPPE

 

 

STORIA DI MARI

 

STORIA DI MARI

I) Cantu di marinaru ni la notti prima d’a timpesta

Ventu biddizzi ca lu tempu cunfunni
ventu timpesta di mari ‘nnamuratu

Ventu pi tuttu lu munnu porta lu me’ cantu
ventu sana lu mè cori dispiratu

Ventu c’arrivi alla luna e li stiddi furrii
ventu affidu a tia tuttu lu me’ ciatu

II) Naufragiu sutta costa

Lampìa lu mari a scrusciu di ventu
quannu la timpesta li scogghi sbrizzìa
e lu bastimentu li sartami di carina sciogghi

A puppa la mizzana si rimina
lu fanali di notti a cassaru cerca portu
cursaru a custiari smarizza varcaloru

Pigghia terra! Pisca chiù ‘n funnu!

Si spacca lu brigantinu a cuperta
sciabeccu di maraguni arinatu
l’acqua gurga a cuda di dragu
acqua a buluni, burrasca e troni

Scuma si rivugghi a luci di faru
l’unna cerca ligna pi sautari
la chiurma rumpi in mari
cu li mani quasi a terra

La storia porta deci morti
e un capitanu dispiratu.

                                                                                                                                     

STORIA DI MARE 

Vento bellezze che il tempo confonde
Vento tempesta di mare innamorato

Vento per tutto il mondo porta il mio canto vento calma il mio cuore disperato

Vento che arrivi alla luna e le stelle rigiri
Vento affido a te tutto il mio fiato

Naufragio sotto costa

Lampi sul mare al frastuono del vento
quando la tempesta la scogliera sbatte
e il bastimento il sartiame di carena scioglie

A poppa la mezzana s’attorciglia
il fanale di notte a cassaro cerca porto
corsaro a costeggiare rimette il barcaiolo

Piglia terra! Pesca più a fondo!

Si spacca il brigantino a coperta
zambecco di marangone arenato
l’acqua sale a coda di drago
acqua che scende copiosa, burrasca e tuoni

La schiuma ribolle alla luce del faro
l’onda cerca legni per saltare
la ciurma rompe in mare
con le mani quasi a terra

La storia porta dieci morti
e un capitano disperato

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 150 visitatori e nessun utente online