Stampa
Categoria: MINNELLA ORAZIO
Visite: 976

 

MINNELLA ORAZIO

 

"A LUNA NNAMURATA

 

 

 

‘A LUNA ‘NNAMURATA
Orazio Minnella

La luna china, vascia e tutta biunna,
si fa l'amuri ccu 'nu spicchiu 'i mari.
La sirinata 'a fannu 'i marinari,
câ “musica” dî rimi supra l'unna.

E trasi cû li sò riflessi chiari,
e ridi cû la so’ facciuzza tunna,
spingennu li radici all’acqua funna,
facènnusi dû pèlagu annacari.

E tutti pari ‘i stiddi di lu munnu,
ci fannu a ‘sta criatura di ruffiani,
dda dintra ‘u scuru fittu senza funnu.

E poi, fra d’iddi ficiru cumbutta
“scacciannu l’occhi” so’, mancu li cani,
“‘bagnànnuci ‘i viscotta sutta sutta”.

LA LUNA INNAMORATA


La luna piena, bassa e tutta bionda,
fa l'amore con uno spicchio di mare.
La serenata la fanno i marinai,
con la musica dei remi sopra le onde.

Ed entra con i suoi riflessi chiari,
e ride con la sua faccetta tonda,
spingendo le radici all'acqua fonda,
facendosi dal mare dondolare.

E tutte le stelle del mondo,
fan da ruffiani a questa creatura,
li dentro quel buio fitto senza fondo. (universo)

E poi fra di loro han fatto comunella
"strizzando gli occhi" loro, mannaggia ai cani,
"bagnandoci i biscotti sotto sotto"
(essendo consenzienti e approvando)