GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online

 

MINNELLA ORAZIO

 

CHIANTU DI PATRI

 

 

 

CHIANTU DI PATRI

‘Nu svinturatu amaru stava ‘n pena;
ci mossi ‘n figghiu nicu e non durmìa,
e tutti ‘i santi notti iddu chiancìa,
fin quantu spuntò ‘n’angilu ‘nta scena:
- Non lacrimari cchiù ppi faureddu !...
- Ma iu l’haiu sempri dintra ‘u ciriveddu !...

-Chi fa lu voi vidìri?- Certamenti!...
Dunca ‘u purtò ‘nto celu e poi ci dissi:
-Aspetta anticchia e metti l’occhi fissi,
su tutti li carusi cca’ prisenti.-
Avìanu ‘nte manu ‘nu luminu,
ca ‘lluminava ‘a facci e lu caminu.

- Cu su’?-Su’ i picciriddi morti ‘o munnu,
e tutti ‘i jorna fannu ‘stu tragittu.
‘U cori d’iddi è puru e non è afflittu.
- Me figghiu c’è? - Aspetta ‘nu secunnu,
fra tanticchedda ‘u viri! - ...Iddu spuntò,
e ‘u patri strafilici l’abbrazzò.

Ma s’accurgìu ca ‘u lumi era stutatu,
e dumannò ‘o carusu ripintinu:
-Pirchì non è addrumatu ‘u to’ luminu?-
Lu figghiu lu vardò maravigghiatu:
-O pà, ogni iornu addumu la cannila,
comu tutti ‘i carusi ‘nti la fila,

ma lu to’ chiantu a notti mi lu stuta.
Fammìllu ‘stu favuri, ‘un picciari,
ormai mi trovu ccà làssimi stari-!...
Allura dissi l’angilu :-Saluta
‘stu figghiu ca tu teni ‘nto duluri,
e porta sempri appressu lu so’ amuri!

PIANTO DI PADRE

Un uomo sventurato stava in pena;
gli era morto il figlio piccolo e non dormiva,
e tutte le sante notti per lui piangeva,
fin quando apparve un angelo in scena:
- Non piangere più per favore!...
- Ma io l'ho sempre dentro al cervello!...

Per caso, lo vuoi rivedere? - Certamente!...
Allora lo portò in cielo e poi gli disse:
- Aspetta un pochino e fissa gli occhi
su tutti i bambini qui presenti. -
Avevano in mano un lumino,
che illuminava la faccia ed il cammino.

-Chi sono? - Sono tutti i bambini morti nel mondo
e tutti i giorni fanno questo tragitto.
Il loro cuore è puro e non è afflitto.
- Mio figlio c'è? - Aspetta un secondo,
fra un pò lo vedrai!... - Lui apparve,
ed il padre felice lo abbracciò.

Ma s'accorse che il suo lume era spento,
e domandò al ragazzo subito:
- Perchè non è acceso il tuo lumino? -
Il figlio lo guardò meravigliato:
Papà. ogni giorno accendo la candela
come tutti i bambini nella fila,

ma il tuo pianto di notte me la spegne.
Fammelo questo favore, non ti lamentare piangendo,
ormai qui tro qui, lasciami stare!...
Aloora l'Angelo disse: - Saluta
questo figlio ca tu tieni nel dolore,
e porta sempre appresso il suo amore!