GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 138 visitatori e nessun utente online

 

MINNELLA ORAZIO

 

NASCITA DI LA VITA

 

 

 

NASCITA DI LA VITA

Affunna ‘nti la terra ‘i sò radici,
ogni arbulu pigghiànnu linfa e vita.
Poi nèsciunu criscennu fra ‘i sò ita,
li frutti ca ‘u Signuri binidici.

Lu ciùmi, cû lu mari iddu si ‘nzita,
sutta ‘nu celo ca fa di curnici,
câ stissa vogghia di cu’ è filici,
di pìnitrari l’acqua ca lu ‘nvita.

La menti dunca, ‘unn’è tantu diversa,
la metti ‘ncinta ‘nu pinzeri fissu,
ca trasi dintra d’idda e ‘un l’attraversa.

E alleggiu alleggiu nasci ‘nta ddi uri,
‘nu sintimentu stranu, ’nta dda abissu,
ca porta dintra ‘u cori ‘n novu amuri.

NASCITA DELLA VITA

Affonda nella terra le radici
ogni albero prendendo linfa e vita.
Poi escono crescendo fra le sue dita,
i frutti che il Signore benedice.

Il fiume dentro il mare esso s’innesta,
sotto di un cielo, che fa da cornice,
con la stessa voglia di chi è felice,
di penetrare l’acqua che l’invita.

La mente dunque, non è tanto diversa,
la mette incinta un pensiero fisso,
che entar dentro lei ma non l’attraversa.

E piano piano nasce in quelle ore,
un sentimento strano, in quell’abisso,
che porta dentro il cuore un nuovo amore.