GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

MINNELLA ORAZIO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 MINNELLA ORAZIO

 

 'A LUNA NNAMURATA

 CHIANTU DI PATRI

 LU LATU SCURU DI L'AMURI 

 NASCITA DI LA VITA

 Orazio Minnella è stato un felice macchinista delle Ferrovie dello Stato, andato in pensione, nel 2009, e da quella data ha continuato a dar sfogo prima al suo hobby preferito: la fotografia alla quale ancor oggi dedica parte del suo tempo, ma anche, da due anni a questa parte, dal 2013, grazie ad una curiosa combinazione (un suo amico e collega, lo ha inserito a sua
insaputa, in un gruppo di poeti on line su Facebook) quindi ha ripreso confidenza con la nobile arte della poesia.
Da lì, Orazio, ha destato in lui quell’amore sopito verso la letteratura e la composizione poetica nello specifico, che aveva incominciato a praticare nei lontani anni ‘90.
Da quel momento si è rimesso in gioco anche in questa bellissima arte, che continua a praticare di pari passo alla fotografia.



 

MINNELLA ORAZIO

 

"A LUNA NNAMURATA

 

 

 

‘A LUNA ‘NNAMURATA
Orazio Minnella

La luna china, vascia e tutta biunna,
si fa l'amuri ccu 'nu spicchiu 'i mari.
La sirinata 'a fannu 'i marinari,
câ “musica” dî rimi supra l'unna.

E trasi cû li sò riflessi chiari,
e ridi cû la so’ facciuzza tunna,
spingennu li radici all’acqua funna,
facènnusi dû pèlagu annacari.

E tutti pari ‘i stiddi di lu munnu,
ci fannu a ‘sta criatura di ruffiani,
dda dintra ‘u scuru fittu senza funnu.

E poi, fra d’iddi ficiru cumbutta
“scacciannu l’occhi” so’, mancu li cani,
“‘bagnànnuci ‘i viscotta sutta sutta”.

LA LUNA INNAMORATA


La luna piena, bassa e tutta bionda,
fa l'amore con uno spicchio di mare.
La serenata la fanno i marinai,
con la musica dei remi sopra le onde.

Ed entra con i suoi riflessi chiari,
e ride con la sua faccetta tonda,
spingendo le radici all'acqua fonda,
facendosi dal mare dondolare.

E tutte le stelle del mondo,
fan da ruffiani a questa creatura,
li dentro quel buio fitto senza fondo. (universo)

E poi fra di loro han fatto comunella
"strizzando gli occhi" loro, mannaggia ai cani,
"bagnandoci i biscotti sotto sotto"
(essendo consenzienti e approvando)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MINNELLA ORAZIO

 

CHIANTU DI PATRI

 

 

 

CHIANTU DI PATRI

‘Nu svinturatu amaru stava ‘n pena;
ci mossi ‘n figghiu nicu e non durmìa,
e tutti ‘i santi notti iddu chiancìa,
fin quantu spuntò ‘n’angilu ‘nta scena:
- Non lacrimari cchiù ppi faureddu !...
- Ma iu l’haiu sempri dintra ‘u ciriveddu !...

-Chi fa lu voi vidìri?- Certamenti!...
Dunca ‘u purtò ‘nto celu e poi ci dissi:
-Aspetta anticchia e metti l’occhi fissi,
su tutti li carusi cca’ prisenti.-
Avìanu ‘nte manu ‘nu luminu,
ca ‘lluminava ‘a facci e lu caminu.

- Cu su’?-Su’ i picciriddi morti ‘o munnu,
e tutti ‘i jorna fannu ‘stu tragittu.
‘U cori d’iddi è puru e non è afflittu.
- Me figghiu c’è? - Aspetta ‘nu secunnu,
fra tanticchedda ‘u viri! - ...Iddu spuntò,
e ‘u patri strafilici l’abbrazzò.

Ma s’accurgìu ca ‘u lumi era stutatu,
e dumannò ‘o carusu ripintinu:
-Pirchì non è addrumatu ‘u to’ luminu?-
Lu figghiu lu vardò maravigghiatu:
-O pà, ogni iornu addumu la cannila,
comu tutti ‘i carusi ‘nti la fila,

ma lu to’ chiantu a notti mi lu stuta.
Fammìllu ‘stu favuri, ‘un picciari,
ormai mi trovu ccà làssimi stari-!...
Allura dissi l’angilu :-Saluta
‘stu figghiu ca tu teni ‘nto duluri,
e porta sempri appressu lu so’ amuri!

PIANTO DI PADRE

Un uomo sventurato stava in pena;
gli era morto il figlio piccolo e non dormiva,
e tutte le sante notti per lui piangeva,
fin quando apparve un angelo in scena:
- Non piangere più per favore!...
- Ma io l'ho sempre dentro al cervello!...

Per caso, lo vuoi rivedere? - Certamente!...
Allora lo portò in cielo e poi gli disse:
- Aspetta un pochino e fissa gli occhi
su tutti i bambini qui presenti. -
Avevano in mano un lumino,
che illuminava la faccia ed il cammino.

-Chi sono? - Sono tutti i bambini morti nel mondo
e tutti i giorni fanno questo tragitto.
Il loro cuore è puro e non è afflitto.
- Mio figlio c'è? - Aspetta un secondo,
fra un pò lo vedrai!... - Lui apparve,
ed il padre felice lo abbracciò.

Ma s'accorse che il suo lume era spento,
e domandò al ragazzo subito:
- Perchè non è acceso il tuo lumino? -
Il figlio lo guardò meravigliato:
Papà. ogni giorno accendo la candela
come tutti i bambini nella fila,

ma il tuo pianto di notte me la spegne.
Fammelo questo favore, non ti lamentare piangendo,
ormai qui tro qui, lasciami stare!...
Aloora l'Angelo disse: - Saluta
questo figlio ca tu tieni nel dolore,
e porta sempre appresso il suo amore!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MINNELLA ORAZIO

 

NASCITA DI LA VITA

 

 

 

NASCITA DI LA VITA

Affunna ‘nti la terra ‘i sò radici,
ogni arbulu pigghiànnu linfa e vita.
Poi nèsciunu criscennu fra ‘i sò ita,
li frutti ca ‘u Signuri binidici.

Lu ciùmi, cû lu mari iddu si ‘nzita,
sutta ‘nu celo ca fa di curnici,
câ stissa vogghia di cu’ è filici,
di pìnitrari l’acqua ca lu ‘nvita.

La menti dunca, ‘unn’è tantu diversa,
la metti ‘ncinta ‘nu pinzeri fissu,
ca trasi dintra d’idda e ‘un l’attraversa.

E alleggiu alleggiu nasci ‘nta ddi uri,
‘nu sintimentu stranu, ’nta dda abissu,
ca porta dintra ‘u cori ‘n novu amuri.

NASCITA DELLA VITA

Affonda nella terra le radici
ogni albero prendendo linfa e vita.
Poi escono crescendo fra le sue dita,
i frutti che il Signore benedice.

Il fiume dentro il mare esso s’innesta,
sotto di un cielo, che fa da cornice,
con la stessa voglia di chi è felice,
di penetrare l’acqua che l’invita.

La mente dunque, non è tanto diversa,
la mette incinta un pensiero fisso,
che entar dentro lei ma non l’attraversa.

E piano piano nasce in quelle ore,
un sentimento strano, in quell’abisso,
che porta dentro il cuore un nuovo amore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MINNELLA ORAZIO

 

LU LATU SCURU DI L'AMURI

 

 

 

 

LU LATU SCURU DI L'AMURI

L'amuri è 'n sintimentu troppu pazzu.
Non è 'n pruggettu ca si fa cû 'n schizzu
e lu mudelli comu 'n cannavazzu; 
l'amuri quannu arriva all'indirizzu

t'acchiappa ppi lu coddu cû so' lazzu
e 'u cori e l'arma pavunu lu pizzu.
È inutili ca dici:­ Ju ci sguazzu !...­
'St'ingannu tu ci l'hai sempri 'o capizzu !...

L'amuri è 'na catina c' havi 'a magghia
chiù dura di lu marmuru 'i Sivigghia.
'Nto munnu 'un c'è cisoia ca la tagghia

o puramente lima c' 'a assuttigghia
e mancu c'è gurgiolu ca la squagghia.
L'amuri, è 'dd'amu unni 'u cori 'mpigghia.

IL LATO OSCURO DELL'AMORE

 

L'amore è un sentimento troppo pazzo.
Non è un progetto che si fa con uno schizzo
e lo modelli come un canovaccio;
L'amore quando arriva all'indirizzo,

t'acchiappa per il collo con il suo laccio
ed il cuore e l'anima pagono il pizzo.
E' inutile che dici: Io ci sguazzo !...
Quest'inganno tu lo hai sempre al capezzale !...

L'amore è una catena che la maglia
più dura del marmo di Siviglia.
Nel mondo non c'è cesoia che la taglia

o puramente lima che l'assottiglia
e nemmeno c'è crogiolo che la squaglia.
L'amore è quell'amo dove il cuore impiglia