FILIPPINI MARIA STELLA

 

DOPPU TUTTU ST'AMMUINU

DOPPU TUTTU ST'AMMUINU

Tavula ca pi longu si stinnicchia a valli
unni muntagni e grutti e stiddi
s'internanu ni lu mari, ncapu e sutta.

Chista è la me terra,
terra ianca di iancu sali
terra ca duna, scippa e scorda
unni l'amurusanza è Riggina, lu suli è lu Re
e a li so pedi rivirenza fazzu!
Viu, lepitamenti, lanterni sciddicari
ni l'accuglienti tuvagghia di la sira
e nevuli picciriddi arriccamari
lu linu tuttu azzolu a lu matinu.
Voli d'aceddi tiddicanu a lu voscu
lu ciancu riccu di çiuri a scocca.
Caminu a la narreri ni lu tempu
cu l'occhi sbarracati pi tanta maravigghia.
Ascutu lu sulenziu ca vucia
picchì cu lu sulenziu agghica, forti forti,
la vuci di la genti mia e nun m'intrica cchiù
- junta a stu puntu - lu passatu.
E' a lu prisenti ca vogghiu fari festa
spaccari l'aria cumu na vaetra
scinniri comu n'aceddu timuneri
ncapu a la plaia larga, ricca di li mei pinzeri
e all'orizzonti, doppu tuttu st'ammuinu,
nmenzu a sti biddizzi ca mi fannu curuna -
taliari, cu lu cori nmanu, lu Portu di la Luna!

                                                                                                

DOPO TUTTO QUESTO MOVIMENTO

Tavola che per lungo si distende a valle
dove montagne e grotte e stelle
si internano nel mare sopra e sotto.

Questa è la mia terra,
terra bianca di bianco sale
terra che dona, strappa e dimentica
dove l'amorevolezza è Regina, il sole è Re
e ai suoi piedi riverenza faccio!
Vedo pian piano lanterne scivolare
nell'accogliente tovaglia della sera
e nuvole bambine ricamare
il lino tutto azzurro al mattino.
Voli di uccelli solleticano al bosco
il fianco ricco di fiori a nastro.
Cammino all'indietro nel tempo
con gli occhi spalancati per tanta meraviglia.
Ascolto il silenzio che grida
perché col silenzio giunge forte, forte,
la voce della gente mia e non m'intriga più
- giunta a questo punto - il passato.
E' al presente che voglio fare festa
spaccare l'aria come un gabbiano
scendere come un uccello timoniere
sulla spiaggia larga, ricca dei miei pensieri
e all'orizzonte, dopo tutto questo movimento
tra le bellezze che mi fanno corona -
guardare col cuore in mano, il Porto della Luna!

                                                                                                    

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online