FILIPPINI MARIA STELLA

 

COMU CANNILI ASTUTATI

COMU CANNILI ASTUTATI

E’ la vuci di la spranza ca n’accumpagna
ca luci ‘n luntananza
e curri e sbalanza e canta
e cogghi - ora ccà, ora ddà -
ciuri di mari, di terra, di celu
e cchiù nni porta e accanza
cchiù nni va cerca
e cchiù n’addisia

Tu e iu e tutti quanti chiancemu chiancemu
supra stu tenniru ariusu juncu
passannu di lu sciumi la currenti
unni puru lu celu porta sipali di nuvuli, lenti

Quannu agghicamu….quannu
sutta lu ramu d’ummira unni la palumma janca tessi lu nidu
Quannu agghicamu….quannu
unni lu cori s’affanna e s’arriduci a nenti
si la Vuci ninnia lu duluri!

Soccu aspittamu ancora…soccu aspittamu
pi capiri ca semu tutti i stissi
fatti di carni e d’anima
p’essiri vuci trunanti
vrazza aperti
cintu ca susteni lu munnu?

Havi a veniri lu iornu di lu Giustu ca scrivi
’ncapu a la tila di la paci
l’ura ca di sempri va sunannu
la manu cugghitura di lu beni e di lu mali
a lu roggiu addumatu di la luna.

Passamu…passamu comu cannili astutati
comu surdi campani
e nun ascutamu lu jaddu
a lu vispiru
cantari pi la terza vota.

                                                                                                                                                        

COME CANDELE SPENTE

E’ la voce della speranza che ci accompagna
che brilla in lontananza
e corre e sbanda e canta
e raccoglie - ora qua ora là –
fiori di mare, di terra, di cielo
e più ne porta e ne guadagna
più ne va cercando
e più ne desidera

Tu ed io e tutti quanti piangiamo piangiamo
sopra questo tenero arioso giunco
attraversando del fiume la corrente
dove pure il cielo porta siepi di nuvole lente

Quando arriveremo.. .quando
sotto il ramo d’ombra dove la colomba bianca tesse il nido. Quando arriveremo.. .quando
dove il cuore si affanna e si riduce a niente
se la Voce culla il dolore

Cosa aspettiamo ancora...cosa aspettiamo
per capire che siamo tutti uguali
fatti di carne e d’anima
per essere voci tuonanti
braccia aperte
cintura che sostiene il mondo?

Verrà il giorno del Giusto che scrive
sulla tela della pace
l’ora che da sempre va suonando
la mano raccoglitrice del bene e del male
all’orologio acceso della luna.

Passiamo… passiamo come candele spente
come sorde campane
e non ascoltiamo il gallo
al vespro
cantare per la terza volta.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online