FILIPPINI MARIA STELLA

 

ASCUTA OMU, ASCUTA

ASCUTA OMU, ASCUTA

La Luci suprasta grunni
cannoli arriuluti
ngorghi di fangu.
Arriala malìa a l'arvuli
e li cimasi dicura a chiaruscuri.
Ammaistra
pacinziusa e cu giusti raggi
l'omu arrobba acqua
aceddu capubannitu
distillaturi di minzogni
carcarazzu tistutu
senza sennu
ca prima distrudi
e poi picciulìa.

A lu principiu di lu munnu
- dici –
a lu principiu di li setti iorna
- li primi iorna –
era l'acqua
sulu idda
soru acqua biniditta
abbunnanziusa e pura
ad ammucciarisi fuiennu
dintra rivugghi di nevuli
ca si grapivanu cuntenti
chiancennu

Lu senti lu so cantu anticu?
Ascuta, omu, ascuta
è musica ca curri
ninnannu.

ASCOLTA UOMO ASCOLTA 


La Luce sovrasta grondaie

rubinetti rugginosi
ingorghi di fango
Regala magia agli alberi
e cimase decora a chiaroscuri
Ammaestra,
paziente,
e coi giusti raggi
l'uomo, ruba acqua 
uccello capobanda
distillatore di menzogne
accattone
corvo testardo che ruba
uccide
inquina

Al principio del mondo
-dice-
al principio dei sette giorni
-i primi giorni-
era l'acqua
solo lei
sorella acqua benedetta 
abbondante e pura 
a nascondersi fuggendo 
dentro bollori di nuvole 
che si aprivano contente 
piangendo

Lo senti il suo canto antico?
Ascolta, uomo, ascolta,
è musica che corre
ninnando.

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online