FILIPPINI MARIA STELLA

 

FILIPPINI MARIA STELLA

 

POESIE

A LU MATINU audio

AGNIDDUZZI O LUPI

ASCUTA OMU, ASCUTA ... TESTO ED AUDIO

COMU CANNILI ASTUTATI ... TESTO ED AUDIO

DOPPU TUTTU ST'AMMUINU

FILICI TRUVARISI

HAIU SITI, DICISTI

PUPAZZA DI VENTU video 

Nata a Tripoli (Libia) nel 1936 da padre lombardo e madre siciliana, ho ereditato lineamenti nordici ed un carattere fiero e combattivo. Rientrata in Italia nel 1941 a causa della guerra, ho vissuto in Lombardia, Romagna e in Sicilia a Palermo, Gela e Sambuca, stabilendomi definitivamente a Ravanusa (AG) nel 1953.

Ecco cosa dice di se la poetessa:

Mi cimento con la poesia dall’età di dieci anni.


...Un attimo è trascorso
dacché farfalle e fiori
ornavano di trine i miei capelli

Ancora un poco e te ne andrai
ancora un poco
un poco e me ne andrò

Perderanno colori
i sogni, le farfalle, i fiori.

A quelle parole che riempivano i miei quaderni segreti quando ero bambina, dal 1995 dono forma attraverso poesie e racconti, imprimendo le immagini di cinque figli, dieci nipoti e tante emozioni, poiché

sono maturati i frutti
dell'albero delle parole

Ho ricevuto numerosi primi premi in concorsi letterari e ottenuto importanti consensi critici, una produzione che Orazio Cusumano così commenta: “per la poetessa Maria Stella la parola è la limpida meraviglia di un delirante fermento, ma non è la poetica della parola che si isola solitaria tra gli spazi bianchi, è, per converso, il frutto maturo dell'albero della parola che si unisce agli altri frutti maturi e dà vita al verso, vario nella misura e nel ritmo“

___
Ho pubblicato con prefazioni di:
Rosetta Romano Così che io possa, 1995
Paolo Messina Simùn il vento, 1998
Peter Russell e Dino Ales Con ali di cigni le falene, 2001
Licia Cardillo Trilogia dell’Angelo, 2001

 

 

 

FILIPPINI MARIA STELLA

 

A LU MATINU

A lu riverbiru
di li spichi abbruscicati (1)
ncapu a la chiana larga e brulenti(2)
scinni la sira
e scinni di la roggia (3)
l'acqua
- stizza a stizza  -
lentamente abbacannu (4) antichi arsuri.

Nuddu tappitu virdi'ntornu
p'arrinfrancari lu passu
nè perni acquazzunati (5)

Nuddu volu arricama l'aria
nuddu cantu..

Quali pena
ncuma l'ali a l'aceddi?
quali gruppu
astuta la vuci a la fantasia?

Puntano l'occhi la terra nsunnacchiata
e si fannu
- araciu araciu -
prijiera

1)  spighe gonfie e mature  2)  che brucia
3)  canalone 4)  abbeverando
5)  perle con rugiada

 

 

 

FILIPPINI MARIA STELLA

 

COMU VAETRA DI L'ALI GRANNI


COMU VAETRA DI L'ALI GRANNI

Quannu la notti squagghia
e lu scuru s'agrutta
lu jornu grapi l'occhi e spinci li mossi
di l'ali mei saracini.
Lu suli s'addruvigghia e attruppa
cu rufuli di ventu li nassi di cristallu
o sì stinnicchia pi longu ncapu u mari.
Chistu è lu mumentu ca mi percia lu cori lu pinzeri di tia
ca truppicannu vai - sulu suliddu -
nterra straniera.
Volu, allura,
leggia leggia,
comu vaetra di l'ali granni
assicutannu li mei e li tò sonnira

Lu sacciu, si, nun mi lu diri,
la sacciu, la strata du travagghiu
è pìtrusa e stritta
ma ni lu to circari lu pani,
iennu pu munnu
- munnu chi duna, scippa e scorda -
penza a mia
e quannu si placa lu vesperu e sculura
cu vintagghi di stiddri
ncapu a la niuru cavaddu
truttannu truttannu lu sonnu tuppulia
e nachi(1) conza a sfiziu di zagari
e a li nostri disia
comu a tia penzu
amuri, amuri miu luntanu
tu penza a mia.


COME GABBIANO DALLE ALI GRANDI


Quando la notte si dissolve

e il buio s'ingrotta
il giorno apre gli occhi e spinge
il movimento delle mie ali antiche.
Il sole si sveglia e raggruppa
con refoli di vento le nasse di cristallo
o si distende per lungo sopra il mare.
Questo è il momento che mi trafigge
il cuore il pensiero di te
che inciampando vai - solo soletto -
in terra straniera.
Volo, allora,
leggera leggera.
come gabbiano dalle ali grandi
rincorrendo i miei e i tuoi sogni

Lo so, si, non me lo dire,
lo so, la strada del lavoro
è pietrosa e stretta
ma nel tuo cercare il pane, andando
per il mondo - mondo che dona,
scippa e dimentica
- pensa a me
e quando va via il vespero e (il cielo) scolora con ventagli di stelle
sopra ad un nero cavallo (la notte)
trottando trottando il sonno bussa
e culle(1) sistema a capriccio di fiori di arance e ai nostri desideri
come penso a te
amore, amore mio lontano
tu pensa a me.

 

FILIPPINI MARIA STELLA

 

ASCUTA OMU, ASCUTA

ASCUTA OMU, ASCUTA

La Luci suprasta grunni
cannoli arriuluti
ngorghi di fangu.
Arriala malìa a l'arvuli
e li cimasi dicura a chiaruscuri.
Ammaistra
pacinziusa e cu giusti raggi
l'omu arrobba acqua
aceddu capubannitu
distillaturi di minzogni
carcarazzu tistutu
senza sennu
ca prima distrudi
e poi picciulìa.

A lu principiu di lu munnu
- dici –
a lu principiu di li setti iorna
- li primi iorna –
era l'acqua
sulu idda
soru acqua biniditta
abbunnanziusa e pura
ad ammucciarisi fuiennu
dintra rivugghi di nevuli
ca si grapivanu cuntenti
chiancennu

Lu senti lu so cantu anticu?
Ascuta, omu, ascuta
è musica ca curri
ninnannu.

ASCOLTA UOMO ASCOLTA 


La Luce sovrasta grondaie

rubinetti rugginosi
ingorghi di fango
Regala magia agli alberi
e cimase decora a chiaroscuri
Ammaestra,
paziente,
e coi giusti raggi
l'uomo, ruba acqua 
uccello capobanda
distillatore di menzogne
accattone
corvo testardo che ruba
uccide
inquina

Al principio del mondo
-dice-
al principio dei sette giorni
-i primi giorni-
era l'acqua
solo lei
sorella acqua benedetta 
abbondante e pura 
a nascondersi fuggendo 
dentro bollori di nuvole 
che si aprivano contente 
piangendo

Lo senti il suo canto antico?
Ascolta, uomo, ascolta,
è musica che corre
ninnando.

 

 

FILIPPINI MARIA STELLA

 

COMU CANNILI ASTUTATI

COMU CANNILI ASTUTATI

E’ la vuci di la spranza ca n’accumpagna
ca luci ‘n luntananza
e curri e sbalanza e canta
e cogghi - ora ccà, ora ddà -
ciuri di mari, di terra, di celu
e cchiù nni porta e accanza
cchiù nni va cerca
e cchiù n’addisia

Tu e iu e tutti quanti chiancemu chiancemu
supra stu tenniru ariusu juncu
passannu di lu sciumi la currenti
unni puru lu celu porta sipali di nuvuli, lenti

Quannu agghicamu….quannu
sutta lu ramu d’ummira unni la palumma janca tessi lu nidu
Quannu agghicamu….quannu
unni lu cori s’affanna e s’arriduci a nenti
si la Vuci ninnia lu duluri!

Soccu aspittamu ancora…soccu aspittamu
pi capiri ca semu tutti i stissi
fatti di carni e d’anima
p’essiri vuci trunanti
vrazza aperti
cintu ca susteni lu munnu?

Havi a veniri lu iornu di lu Giustu ca scrivi
’ncapu a la tila di la paci
l’ura ca di sempri va sunannu
la manu cugghitura di lu beni e di lu mali
a lu roggiu addumatu di la luna.

Passamu…passamu comu cannili astutati
comu surdi campani
e nun ascutamu lu jaddu
a lu vispiru
cantari pi la terza vota.

                                                                                                                                                        

COME CANDELE SPENTE

E’ la voce della speranza che ci accompagna
che brilla in lontananza
e corre e sbanda e canta
e raccoglie - ora qua ora là –
fiori di mare, di terra, di cielo
e più ne porta e ne guadagna
più ne va cercando
e più ne desidera

Tu ed io e tutti quanti piangiamo piangiamo
sopra questo tenero arioso giunco
attraversando del fiume la corrente
dove pure il cielo porta siepi di nuvole lente

Quando arriveremo.. .quando
sotto il ramo d’ombra dove la colomba bianca tesse il nido. Quando arriveremo.. .quando
dove il cuore si affanna e si riduce a niente
se la Voce culla il dolore

Cosa aspettiamo ancora...cosa aspettiamo
per capire che siamo tutti uguali
fatti di carne e d’anima
per essere voci tuonanti
braccia aperte
cintura che sostiene il mondo?

Verrà il giorno del Giusto che scrive
sulla tela della pace
l’ora che da sempre va suonando
la mano raccoglitrice del bene e del male
all’orologio acceso della luna.

Passiamo… passiamo come candele spente
come sorde campane
e non ascoltiamo il gallo
al vespro
cantare per la terza volta.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online