NOTO EZIO

 

A LEGGIU

Rosa Balistreri 


ALLEGGIU
testo Francesco Giunta
musica Ezio Noto
Alleggiu, alleggiu, alleggiu, alleggiu.
C'o tempu è rota chi camina adasciu
la viju firriari e sai... 'un mi dispiaciu
ca lassa 'ntacchi stritti comu gugli
e cusi, consa e smovi li 'mpidugli
di milli facci, vuci, occhi e strati
'ncucciati ammenzu
a certi boni jurnati
cu siritini fatti di friscura
pirchì la carni dormi si non suda.
Alleggiu, alleggiu, alleggiu, alleggiu.
Ca cu è che curri,
mancia vitru e ventu,
spartennu strati e jorna senza abbentu
di fangu e sangu sciaminatu 'nterra,
di occhi, vuci e facci sempri in guerra
e ogni parola doppu è camurria
lu sciatu armalu ca si rummulia
e notti e sonni chini di primura
pirchì la carni è chiaga quannu suda.
Alleggiu, alleggiu. alleggiu, alleggiu.
Li to paroli gocci d'acquazzina
l'hai dintra l'occhi ora ch'è matina
semu du' facci di lu stessu visu
semu du' vucchi cu na sula vuci
e la to carni è duci quannu suda
ca semu l'acqua pi la stessa arsura
e u cori è roggiu chi camina adasciu
lu viju firriari e sai... nun mi dispiaciu.
Alleggiu, alleggiu, alleggiu, alleggiu.
Alleggiu, alleggiu, alleggiu, alleggiu.                
                 
FAI PIANO
Fai piano, fai piano, fai piano, fai piano.
Il tempo è ruota che cammina piano
lo vedo girare e sai... non mi dispiaccio
perchè lascia linee strette come aghi
e cuce, ripara e smuove gli intrighi
di mille facce, voci, occhi e strade
uniti in mezzo
a certe buone giornate
con serate fatte di frescura
perchè la carne dorme se non suda.
Fai piano, fai piano, fai piano, fai piano.
Chi corre
mangia vetro e vento
dividendo strade e giorni senza trovare pace,
di fango e sangue sparso in terra,

di occhi, voci e facce sempre in guerra
ed ogni parola dopo è seccatura
il fiato animale che si muove dentro
e notti e sogni pieni di premura
perchè la carne è piaga quando suda.
Fai piano, fai piano, fai piano, fai piano.
Le tue parole sono gocce d'acquazina
le hai dentro gli occhi ora che è mattina
siamo due facce dello stesso viso
siamo due bocche con una sola voce
e la tua carne è dolce quando suda
perchè siamo l'acqua per la stessa arsura
e il cuore è orologio che cammina adagio
lo vedo girare e sai... non mi dispiaccio.
Fai piano, fai piano, fai piano, fai piano.
Fai piano, fai piano, fai piano, fai piano.


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

CANTU PI TIA

Ezio Noto

 
CANTU PI TIA
Lu sacciu ca è difficili
campari e cantari
e u munnu cumplicatu mi tira lu sciatu
ma pensu ca si pò resistiri e spirari
e pi chissu è ca iu mi vogghiu libberari.
Cantu pi tia sciatu me
resistu pi tia, cori me
speru pi tia, pi crisciri,
pi curriri 'nto ventu.
E giranu li sintimenti davanti li ingiustizi,
taliannu lu spruniari e li chiaghi di lu pitittu,
amma a resistiri, crisciri e cangiari
e pi chissu è ca iu mi vogghiu libberari.
Cantu pi tia sciatu me
resistu pi tia, cori me
speru pi tia, pi crisciri,
pi curriri 'nto ventu.        


Cantu pi tià, uno dei brani di Disìu, testo e musica di Ezio Noto. Il dialetto siciliano, caltabellottese che incontra le musiche del mondo. Le immagini scelte sono dell'archivio Rai, e sono state realizzate a Caltabellotta nei primi anni sessanta, un servizio di Sergio Zavoli "Li Signi di Santa Marta". Le donne che gridano, invocano, interrogano dalla rupe Gogala di Caltabellotta e chiedono un segno, un segnale sui loro cari, emigrati, partiti per cercare pane, lavoro o per la guerra e mai più tornati. Cantano per loro. Tante collaborazioni in Cantu pi tìa, come nella politica del progetto Disìu. La voce di Antonio Smiriglia nel finale del brano.
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

ROSA

Ezio Noto

 
 "ROSA"
E quantu tempu, quantu tempu è passatu
di lu tempu chi passava cu tia
e quantu 'nda li jurnati di ventu
ti rancuravatu mentri durmiatu
E stritta stritta 'nda lu me pettu
e mi cuntavatu miliuni di peni
e chi sorti di murmuri
e chi minchia di chiacchiari,
Rosa... nun chianciri,
Rosa... nun chianciri,
mai chiù.
"ROSA"
E quanto tempo, quanto tempo è passato
del tempo che trascorrevo con te
e quando nelle giornate di vento
ti rincuoravi mentre dormivi
e stretta stretta nel mio petto
mi raccontavi milioni di peni
e quanti mormorii
e quante chiacchere
Rosa... non piangere.
Rosa... non piangere
mai più


E' un'emozione ascoltare questa canzone scritta da Ezio Noto per Rosa Balistreri.
Sono pennellate della vita di Rosa che la cantante dipinge con le parole, sono le pene ed i racconti di una vita di stenti che Rosa detta a Ezio tra le lacrime: Rosa... non piangere, Rosa... non piangere.
Nicolò La Perna
https://www.youtube.com/watch?v=RTnIhCHa8ew
altra interpretazione di Ezio Noto con Francesco Giunta
http://www.youtube.com/watch?v=P1o15I_VoZc
Daniele Treves Band Rosa

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

ROSA

Ezio Noto

 
 "ROSA"
E quantu tempu, quantu tempu è passatu
di lu tempu chi passava cu tia
e quantu 'nda li jurnati di ventu
ti rancuravatu mentri durmiatu
E stritta stritta 'nda lu me pettu
e mi cuntavatu miliuni di peni
e chi sorti di murmuri
e chi minchia di chiacchiari,
Rosa... nun chianciri,
Rosa... nun chianciri,
mai chiù.
"ROSA"
E quanto tempo, quanto tempo è passato
del tempo che trascorrevo con te
e quando nelle giornate di vento
ti rincuoravi mentre dormivi
e stretta stretta nel mio petto
mi raccontavi milioni di peni
e quanti mormorii
e quante chiacchere
Rosa... non piangere.
Rosa... non piangere
mai più


E' un'emozione ascoltare questa canzone scritta da Ezio Noto per Rosa Balistreri.
Sono pennellate della vita di Rosa che la cantante dipinge con le parole, sono le pene ed i racconti di una vita di stenti che Rosa detta a Ezio tra le lacrime: Rosa... non piangere, Rosa... non piangere.
Nicolò La Perna
https://www.youtube.com/watch?v=RTnIhCHa8ew
altra interpretazione di Ezio Noto con Francesco Giunta
http://www.youtube.com/watch?v=P1o15I_VoZc
Daniele Treves Band Rosa

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

SUGNU LIBERU

Ezio Noto



SUGNU LIBERU
band: Disiu
visioni: Fabio D'Angelo
Testo e musica: Ezio Noto
Registrato e prodotto al Minerva Lab da Tony Truncali
Ezio Noto: Voce, percussioni e giocattoli
Tony Truncali: chitarra acustica

 


 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online